Lega Lazio: domani conferenza programmatica su Roma e regione

Cro-Mpd

Roma, 5 ott. (askanews) - ''Domani, a partire dalle 9 e 30, si svolgerà a Roma la Conferenza programmatica della Lega Lazio verso la manifestazione 'Orgoglio italiano' del 19 ottobre in piazza San Giovanni nella Capitale con Matteo Salvini''. Lo comunica in una nota il coordinamento regionale del partito, il cui evento si terrà a Roma presso l'Hotel Holiday Inn Rome in via Aurelia dove parteciperanno i parlamentari, gli eurodeputati, i consiglieri regionali, gli amministratori locali eletti nel Lazio ed i dirigenti del partito.

"Il primo partito del Lazio e d'Italia ha l'obbligo di analizzare lo stato pietoso di Roma e della Regione Lazio - spiega il coordinatore regionale e il vicecapogruppo alla Camera della Lega, Francesco Zicchieri -. Non si possono non prendere di petto le emergenze capitoline e le evidenti difficoltà vissute nelle province per una chiara mancanza di responsabilità politica, in primis dal sindaco Virginia Raggi e dal governatore Nicola Zingaretti, come emerge sulla gestione del ciclo dei rifiuti con il rischio addirittura di un'emergenza sanitaria nella Capitale. I rifiuti sono un valore ovunque con i termovalorizzatori di ultima generazione, mentre a Roma e nel Lazio sono un problema", è l'esempio di Zicchieri, che rivela: "I cittadini sostengono le nostre battaglie e la nostra visione di città e di Regione, soprattutto quotidianamente testimoniano la loro sofferenza nel sborsare i tributi ricevendo in cambio dei servizi pessimi: dalla sanità ai trasporti. Per non parlare dello stato vergognoso in cui si trovano l'agricoltura, le infrastrutture con l'impasse sulla Roma-Latina e sulla Cisterna-Valmontone, ma anche le difficoltà oggettive dello sviluppo, del turismo, del commercio e dell'artigianato carenti di un progetto organico ed incisivo. Ecco - conclude Zicchieri - l'evento di domani sarà l'occasione per rafforzare e ultimare la nostra proposta di governo a livello regionale e locale, intraprendendo nuove battaglie sia nelle istituzioni sia nei territori con i nostri meravigliosi militanti''.