Lega Nord: magistrati, da Belsito soldi per famiglia Bossi

(ASCA) - Milano, 3 apr - Il tesoriere della Lega Nord

Francesco Belsito avrebbe distratto soldi pubblici a favore

della famiglia del leader del Carroccio, Umberto Bossi. E'

quanto emerge dalla lettura del decreto emesso dalla

magistratura per la perquisizione, eseguita oggi dalla

Guardia di Finanza, degli uffici di Belsito a Milano in via

Bellerio, sede del partito.

Secondo i magistrati Belsito, indagato per appropriazione

indebita e truffa aggravata ai danni dello Stato in realzione

alla vicenda dei rimborsi elettorali, avrebbe distratto soldi

pubblici per sostenere ''i costi della famiglia Bossi''. Nel

decreto si legge, in particolare, di ''esborsi effettuati per

esigenze personali di familiari del leader della Lega Nord.

Esborsi in contante o con assegni circolari o attraverso

contratti simulati''.

Ricerca

Le notizie del giorno