Lega, Zaia: c’è normale dibattito, non vedo movimenti tellurici

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 5 nov. (askanews) - Nella Lega "c'è un normale dibattito come può accadere in qualsiasi partito, in qualsiasi famiglia, organizzazione o azienda: ieri c'è stato un bel dibattito, non vedo movimenti tellurici come qualcuno annuncia". Lo ha detto il governatore del Veneto, Luca Zaia (Lega), ospite di Stasera Italia su Rete4.

"Non siamo partito che può riunirsi in una cabina telefonica, abbiamo la dimensione di un grande partito che ha i governatori e 800 sindaci: siamo al punto tale che sia all'opposizione che in maggioranza è comunque un partito di governo perché comunque abbiamo una responsabilità oggettiva nei territori che governiamo", ha aggiunto.

"Il confronto - ha osservato - c'è stato, ci sarà, c'è sempre: avremo un'assemblea e si parlerà di programmi, io porterò la mia istanza che è quella dell'autonomia". Quanto alla questione del rapporto con l'Europa, Zaia ha detto: "I veneti sono persone pragmatiche, la Lega non contesta la pressenza dell'Italia in Europa, contestiamo il modello. Non siamo antieuropeisti ma possiamo ambire a un modello migliore. L'importante è che si valorizzino le identità, che l'Europa abbia una dimensione politica. Dobbiamo batterci perché contino sempre meno i burocrati e sempre più i rappresentanti dei citadini".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli