Legale ex agente Pamela Prati: ''Stiamo valutando ipotesi di denunciarla per diffamazione''

·2 minuto per la lettura

'' Quello che ha dichiarato Pamela Prati è assolutamente inconferente. Stiamo valutando l’ipotesi di denunciarla per diffamazione ''. Così all’Adnkronos Raffaele Rivetti, il legale di Eliana Michelazzo (l’ex agente di Pamela Prati, ndr), dopo l’intervista rilasciata dalla showgirl qualche giorno fa al 'Corriere della Sera' dove l ’ex Primadonna del Bagaglino affermava di essere stata raggirata e ''manipolata da due persone'' (Eliana Michelazzo e Pamela Perricciolo, l’altra ex agente della Prati, ndr) e di aver pensato persino di togliersi la vita. ''Se la Prati si lamenta di essere stata vittima della Michelazzo e della Perricciolo - prosegue il legale dell’ex agente della Prati - e di aver creduto all’esistenza di Mark Caltagirone perché la Michelazzo non avrebbe dovuto crederci allo stesso modo? Anche la mia assistita è una vittima, al pari della Prati, sempre che quest’ultima sia realmente una vittima''. Per quanto riguarda l’aspetto legale della vicenda Prati-Gate, spiega il legale, ci sono dei procedimenti penali in corso nei confronti di Eliana Michelazzo per sostituzione di persona (per aver utilizzato l’immagine del presunto figlio adottivo di Mark Caltagirone, ndr) e per truffa. ''Entrambe le accuse - prosegue Rivetti - sono state avanzate dai genitori del minore''.

''I genitori del minore - racconta ancora il legale della Michelazzo - avevano a che fare con l’agenzia della mia assistita ma l’agenzia non era gestita solo da Eliana. La Michelazzo non ha mai avuto contatti diretti con questi signori ed era totalmente estranea ai fatti' ', tiene a precisare. ' 'Da questa storia l’unica che ha subito un ingente danno economico è stata proprio la mia assistita ( Michelazzo, ndr) -sottolinea Rivetti -perché mentre Mediaset, grazie a questa storia, ha avuto share altissimi e ha dedicato diverse puntate alla vicenda la Michelazzo ha perso tutti i suoi clienti e quindi la sua agenzia che si occupava di gestire personaggi del mondo dello spettacolo. Inoltre - continua il legale della Michelazzo - la mia assistita ha subito un danno di immagine e non viene più invitata in tv, insomma ormai è diventata il capro espiatorio. Ora sarà il Pm a dover dimostrare la colpevolezza di Eliana. Semmai ci sarà il processo noi avremo modo di dimostrare la nostra totale estraneità dai fatti'', conclude.

(di Alisa Toaff)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli