I legali dell'indagato hanno lasciato il loro mandato

·1 minuto per la lettura
roberta-siragusa-morreale-avvocati-rinunciano-difesa
roberta-siragusa-morreale-avvocati-rinunciano-difesa

Mentre le indagini per l’omicidio di Roberta Siragusa proseguono, gli avvocati di Pietro Morreale rinunciano alla difesa. I suoi legali non intendono più difenderlo.

Siragusa, avvocati di Morreale rinunciano alla difesa

Gli avvocati Giuseppe Di Cesare e Angela Barillaro hanno comunicato al tribunale di Termini Imerese la decisione di lasciare la difesa di Pietro Morreale. Unico indagato per l’omicidio della sua fidanzata diciassettenne, Roberta Siragusa. Il diciannovenne è accusato di aver compiuto il terribile e brutale femminicidio. Da quando ha deciso di costituirsi si è avvalso della facoltà di non rispondere ed è ora detenuto nel carcere di Termini Imerese.

L’agenzia di stampa Adnkronos fa sapere che il nuovo legale di Morreale è l’avvocato del foto di Catania, Gaetano Giunta. L’indagato si è presentato ai Carabinieri di Caccamo la mattina di domenica 24 gennaio mostrando agli agenti il luogo dove è stata ritrovato il corpo carbonizzato di Roberta Siragusa. Il diciannovenne ha da subito affermato di non averla uccisa e ha inoltre dichiarato che la giovane si sarebbe appiccata il fuoco da sola per poi gettarsi nel burrone nel quale è stata ritrovata.

Roberta Siragusa, autopsia

I Ris ipotizzano che la diciassettenne sia stata uccisa la notte di sabato 23 gennaio. Altri dubbi verranno svelati con l’autopsia che durante il primo pomeriggio di martedì 2 febbraio verrà effettuata presso l’istituto di medicina legale del Policlinico di Messina. All’esame autoptico saranno presenti i legali della famiglia Siragusa e i consulenti scelti dalla nuova difesa di Morreale. Subito dopo il corpo della giovane vittima verrà restituito alla famiglia per lo svolgimento dei funerali.