Legalità e scuola, al via il progetto promosso dalla Luiss

·2 minuto per la lettura
Legalità e scuola, al via il progetto promosso dalla Luiss
Legalità e scuola, al via il progetto promosso dalla Luiss

Roma, 19 feb. (askanews) – Il tema della legalità e l’istruzione come binomio strettissimo per creare un ponte tra due generazioni, per un futuro senza illegalità. Si intitola “Legalità e merito per le scuole”, il progetto della Luiss giunto alla quarta edizione, che vede coinvolti allievi e docenti di 22 istituti della scuola secondaria di secondo grado, selezionati dal Ministero dell’Istruzione, oltre a tre istituti carcerari minorili. Il progetto è stato lanciato durante un webinar a cui ha partecipato anche il neo-ministro dell’Istruzione.

“Le scuole sono e devono essere un presidio di legalità, sono le nostre bandiere nel territorio. Troppe volte nel nostro Paese è sfuggita l’idea che la legalità non è l’incorrere nei rigori della legge, ma è sentire lo Stato come proprio”.

Ideatrice del progetto la professoressa Paola Severino, vice presidente della Luiss: “Avete un compito bello e potente, portare le parole della legalità e del merito in queste scuole. Voi siete testimoni del fatto che se si seguono le regole e si merita si può arrivare in Università di qualità come la nostra.”

Lavoro prezioso viene svolto dai due tutor: “E’ importante, direi fondamentale, perché alla base del progetto c’è quello di far incontrare due generazioni vicine: studenti della Luiss con studenti delle scuole per portare avanti un processo di sensibilizzazione verso la cultura della legalità e del merito”.

Il progetto prevede due borse di studio – finanziate da Inwit – destinate a ragazze e ragazzi provenienti dalle aree critiche del Paese, per l’iscrizione a un percorso triennale o magistrale a ciclo unico alla Luiss. Ma anche incontri virtuali tra oltre 140 studenti universitari e liceali di tutta Italia per diffondere la cultura della legalità.

Due studenti che hanno partecipato al progetto raccontano la loro esperienza: “Noi abbiamo realizzato, quest’anno a differenza dello scorso, un progetto praticamente nuovo, perché ci siamo dovuti adattare alla pandemia e abbiamo cercato con incontri on line, abbiamo cercato di abbattere quelle barriere che in presenza ci potevano magari essere”, spiega Guido Laganà. “Legalità e merito significa da un lato promuovere la cultura della legalità non solo tra gli istituti penali minorili ma anche all’interno delle scuole per far toccare con mano e far capire ai ragazzi che cosa significa legalità”, che non è solo all’interno dei principi costituzionali, ma anche all’interno delle scuole per vedere, per capire e far capire ai ragazzi che la legalità è la cultura, e la scuola è l’istruzione che ne deriva da questo”.

“Questa esperienza mi ha lasciato tantissimo, un’esperienza incredibile. La cultura della legalità è fondamentale sia diffusa ed è fondamentale che sia diffusa nelle nuove generazioni e nei piccoli. È un progetto che al di là delle carceri si propone di promuovere la cultura della legalità nelle scuole, una mission da promuovere in uno Stato”, conclude Elisa Casciaro.