Legambiente: scuole insicure e inagibili, il governo intervenga -3-

Sav

Roma, 12 set. (askanews) - Sempre in tema di servizi, infatti, il 74% delle scuole italiane non ha la mensa (manca nel 66,3% degli istituti del nord, nel 65,2% degli istituti del centro, nell'86,5% dei casi al sud e nell'86,2% nelle isole), e nel 57,6% delle scuole non c'è servizio di trasporto per gli alunni disabili (manca al Nord nel 58,3% degli istituti, al Centro nel 55,1%, al Sud nel 57%, nelle isole nel 60,3%). Le palestre o le strutture per lo sport sono presenti solo nel 40,7% degli istituti di cui il 44,7% al Nord, il 45,3% al Centro, il 32,2% al Sud, il 38,3 nelle Isole.

I progetti educativi, importantissimi anche per l'apprendimento attivo e le competenze di cittadinanza sono, ancora una volta, pochissimi al Sud e nelle isole: le amministrazioni che finanziano progetti e iniziative rivolte agli under 14 sono il 71%, di cui l'85,3% al nord, l'81,3% al centro, il 37,5% al sud e il 25% nelle isole). Anche qui, in positivo, spiccano due città del nord, Parma e Reggio Emilia, con una storica tradizione di investimenti per la realizzazione di progetti educativi nelle scuole.

Molto ancora rimane da fare nel campo della sostenibilità. Solo il 4,6% degli edifici scolastici, ricorda Legambiente, si trova infatti in classe energetica A, mentre quasi un edificio su tre (29%) è ancora in classe G. Tra le città virtuose in tal senso, Prato vanta tutti gli edifici scolastici nelle prime tre classi energetiche, mentre a Brescia oltre metà degli edifici (55%) sono in classe A.

La lotta alle plastiche non riguarda ancora le scuole del sud e delle isole, dove le stoviglie in plastica monouso sono utilizzate rispettivamente nel 56,6% e nel 100% dei casi (35% è il dato nazionale). (Segue)