Legge clima, accordo Ue: -55% emissioni entro il 2030

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Accordo tra il Parlamento Europeo e il Consiglio Ue sulla legge sul clima. Nella notte a Bruxelles i negoziatori hanno chiuso nel trilogo l'intesa, che dà la priorità alla riduzione delle emissioni climalteranti nel raggiungere l'obiettivo di ridurle del 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990, anziché alla rimozione delle stesse (vengono 'catturate' e stoccate per lunghi periodi di tempo). Previsto anche un volume più elevato di depositi di carbonio (carbon sink) entro il 2030. Per la presidente della Commissione Ursula von der Leyen, "la legge sul clima mette l'Ue su un percorso verde per una generazione. E il nostro impegno vincolante per i nostri figli e i nostri nipoti".

Viene anche creato un un advisory board scientifico composto da 15 scienziati, con mandato quadriennale (non più di 2 per Stato membro) che farà proposte e monitorerà gli effetti del processo di adattamento 'verde' dell'economia europea. La Commissione dovrebbe poi fissare più avanti un altro obiettivo vincolante per il 2040, oltre a quello del 2030, per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. L'esecutivo Ue inoltre si impegnerà con i settori economici che scelgano di stilare volontariamente delle roadmap per raggiungere la neutralità climatica al 2050.