Legge di Bilancio, spunta tassa su ombra dei balconi

legge di bilancio

La nuova legge di Bilancio entrata in vigore da poco ha cambiato le normative sull’occupazione del suolo pubblico, e dal 2021 si potrebbe pagare una tassa per l’ombra di balconi e verande.

Legge di Bilancio, tassa su ombra dei balconi

La nuova legge di Bilancio appena entrata in vigore ha riscritto molte normative sul fronte dell’occupazione del suolo pubblico, ma a partire dal 2021 potrebbe spuntare un tassa alquanto bizzarra. L’ombra proiettata da verande e balconi potrebbe essere tassata: già adesso vige una tassa sul soprasuolo, ma per il momento verande e balconi sono esclusi, cosa che tra un anno però potrebbe essere rivista in toto.

A rilevare questa clausola non di poco conto è l’avvocato Giuseppe Pizzonia, che afferma come questa tassa potrà davvero esser applicata anche dai comuni: “Le regole di riferimento del nuovo canone non si differenziano sostanzialmente da quelle ancora in vigore per tutto il 2020. – afferma l’avvocato Pizzonia – Emerge però una differenza non di poco conto. Il nuovo canone, come il vecchio del resto, si applica anche alle cosiddette occupazioni del soprasuolo, cioè sull’ombra che i manufatti privati proiettano sul suolo pubblico. Se non che, ed è qui la novità, nelle nuove disposizioni non è stata riprodotta l’esclusione dal pagamento per l’ombra proiettata da balconi, verande e simili, fino ad oggi espressamente prevista dalla legge. In poche parole- conclude il tributarista– ne dovrebbe conseguire che, a meno di interventi correttivi, dal 2021 tutti i comuni potranno tassare con il nuovo canone anche l’ombra che balconi, verande e simili proiettano su suolo pubblico“.

La smentita del Fisco

Questa possibile introduzione della nuova tassa a partire dal 2021 è giunta all’orecchio del Fisco che ha subito voluto smentire tutte le affermazioni dedotte dall’avvocato Pizzonia:”Il tema di una pseudo ‘tassa sull’ombra’ non esiste. Nel caso potrà colpire solo le fattispecie già gravate da Tosap e Cosap, tra le quali non è compresa l’occupazione tramite balconi e verande“.