Legge elettorale, testo subito dopo le feste

webinfo@adnkronos.com

Piena disponibilità della Lega al confronto su un sistema proporzionale, no da Fratelli d'Italia. E' questo l'esito dei primi due incontri tra maggioranza e opposizione sulla legge elettorale. A chiudere l'incontro con Forza Italia. "Poi - spiega il presidente della commissione Affari costituzionali della Camera, Giuseppe Brescia - faremo un punto con la maggioranza prima della pausa dei lavori per le festività e quindi essere pronti a presentare il testo subito alla ripresa. Per martedì 8 gennaio è già fissata la riunione della commissione alla Camera".  

Nel merito dell'incontro, Brescia ha riferito che la maggioranza ha illustrato le due opzioni rimaste sul tavolo dopo il confronto di questa settimane: proporzionale con soglia di sbarramento al 5% e proporzionale simil spagnolo.  

"Calderoli si è detto disponibile a nome della Lega a discutere sul proporzionale". Ha espresso una preferenza tra i due sistemi? "Forse una maggiore attenzione sullo spagnolo, ma si tratta di una valutazione personale; a livello formale dalla Lega non è stata espressa una preferenza tra i due modelli. Del resto si è trattato del primo incontro, dovranno magari discuterne ancora tra loro. Comunque c'è la disponibilità al dialogo sul proporzionale".  

Mentre con Fdi restano distanze. "Si sono detti indisponibili a ragionare su qualsiasi sistema proporzionale. Con loro siamo anche entrati più nel dettaglio dei due modelli, ma non hanno confermato di non essere disposti a discutere di proporzionale". 

LA RUSSA - “Il proporzionale è l’opposto della governabilità, faremo l’inferno se vanno col proporzionale” dice Ignazio La Russa al termine dell’incontro tra la delegazione Fdi e la maggioranza. "Abbiamo detto che noi siamo contrari a ogni ipotesi di proporzionale che riporti l’Italia al baratto post elettorale” aggiunge. "Oltretutto il sistema spagnolo, che è di tutta evidenza il vero sistema che la maggioranza sta studiando, è quello che in Spagna sta dando la massima ingovernabilità - aggiunge -. Votano a ogni canto del gallo e ce lo vogliono spacciare come sistema che offre governabilità".CALDEROLI - "La Lega non è aprioristicamente contro nulla" dice invece Roberto Calderoli. "Salvini nei giorni scorsi ha detto che se la maggioranza vuole il proporzionale, a noi va bene, purché si vada a votare. L'importante è che si faccia una legge elettorale per andare alle elezioni presto".