Legge elettorale, la maggioranza decide per il proporzionale corretto

La maggioranza ha deciso per un sistema elettorale proporzionale con correzioni per evitare la frammentazione. Viene quindi definitivamente escluso un sistema maggioritario, compreso il doppio turno proposto inizialmente dal Pd.  L'intesa è stata raggiunta su un sistema proporzionale con correttivi antiframmentazione. Ma non si è ancora arrivati a definire se i correttivi saranno ottenuti attraverso una soglia di sbarramento nazionale (si ipotizza il 4 o anche il 5%) o attraverso le circoscrizioni medio-piccole (ad esempio un modello simil spagnolo). La maggioranza tornerà a riunirsi per sciogliere questo ultimo punto la prossima settimana.