Lele Mora colpito dal cancro: “È maligno, mi spiace per i miei figli”

lele-mora-cancro

In un’intervista rilasciata al quotidiano Libero, l’agente dei vip Lele Mora ha raccontato di essersi ammalato di cancro. La diagnosi della malattia è arrivata via telefono proprio mentre Mora stava registrando l’intervista con di fianco l’ex vincitore del Festival di Sanremo Marco Carta. Nel parlare della malattia, Lele Mora ha affermato come il cancro sia maligno e che sia situato in una zona tra i reni e i polmoni.

Lele Mora: la scoperta del cancro

Mentre stava registrando l’intervista con la giornalista di Libero, Lele Mora aveva dichiarato: “Sto aspettando una telefonata importante, quella del medico, a breve saprò se sono affetto da un tumore maligno o meno”. Un’infausta previsione che è stata poi confermata dalla successiva telefonata del suo medico: “Sì, il cancro è maligno ed è situato tra i polmoni ed i reni. Adesso farò quel che c’è da fare. Ma non avrei voluto dare questo nuovo dispiacere ai miei figli, non se lo meritano”.

Nell’intervista, l’agente dei vip ha parlato anche della sua condanna a 6 anni e un mese di reclusione, scontata sia in carcere che all’interno della comunità di recupero Exodus di Don Mazzi: “Ho fatto tanti errori, come tutti. Eppure non ho rimpianti. Il peccato più grande è l’ arroganza. Ne ho avuta, mi sono sentito invincibile”. Mora ha poi dedicato un pensiero all’amico Fabrizio Corona, attualmente ancora detenuto: “La detenzione lo ha peggiorato, ha sviluppato una rabbia che lo sta consumando”.

Il nuovo lavoro all’estero

La notizia della diagnosi di cancro è arrivata proprio mentre Mora aveva incominciato una nuova esperienza lavorativa all’estero, sempre in ambito televisivo. Lavori a cui molto probabilmente ora dovrà rinunciare alla luce delle sue condizioni di salute: “Sto lavorando in Albania, dove ricopro il ruolo di direttore generale di Top Channel, in Bulgaria e in Georgia, dove curo le tv di Stato sia come autore che come agente. Mi sono arrivate queste proposte e le ho accettate”.