L'emergenza è stata prorogata al 15 Ottobre

·2 minuto per la lettura
Proroga dello stato di emergenza
Proroga dello stato di emergenza

Arriva l’ok anche da parte della Camera per la proroga dello stato di emergenza. La Camera ha approvato con 286 si e 221 no, dopo l’informativa sul punto del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Dopo l’ok del senato anche Montecitorio ha deciso di appoggiare la proroga dello stato di emergenza fino al 15 ottobre. Questa sera alle 20 si terrà il consiglio dei ministri ed è atteso il via libera definitivo per la proroga dichiarata il 31 gennaio 2020. “La proroga dello stato d’emergenza è scelta obbligata, non liberticida” ha spiegato Conte.

Proroga dello stato di emergenza

Senato e Camera hanno approvato la richiesta di proroga dello stato di emergenza fino al 15 ottobre, ma non tutti erano d’accordo e hanno avuto reazioni positive. “Con la richiesta di proroga dello stato di emergenza non vi state occupando della salute degli italiani ma della salute del vostro governo” ha spiegato Giorgia Meloni, intervenendo in Aula della Camera dopo le comunicazioni del presidente del Consiglio. “Il governo sta operando questa valutazione sulla base di mere istanze organizzative, operative, non certo perché si vuole fare un uso strumentale per atteggiamento liberticida, reprimere il dissenso o ridurre la popolazione in uno stato di soggezione. Sono affermazioni gravi che non hanno nessuna corrispondenza nella realtà” ha spiegato Giuseppe Conte.

L’intervento di Giorgia Meloni

Con quale faccia avete multato i commercianti che scendevano in piazza chiedendo aiuto in modo composto, chiudete le attività di chi non mantiene il distanziamento, rincorrevate la gente con i droni sulle spiagge se poi oggi consentite a migliaia di immigrati clandestini di entrare sul territorio italiano violando i nostri confini e poi violare la quarantena andandosene a zonzo anche quando sono contagiati? Con quale faccia? Ci dite che diavolo state facendo? È da pazzi irresponsabili, presidente Conte. Perchè noi abbiamo fatto sacrifici enormi per limitare il contagio, abbiamo condannato a morte decine di migliaia di attività, rischiamo milioni di disoccupati e non lo faremo e non renderemo tutto vano per la vostra furia immigrazionista. E non rida, perchè non c’e’ niente da ridere. Non c’è niente da ridere: la nostra responsabilità ci impedisce di essere conniventi, noi non saremo conniventi con questa roba. Noi voteremo contro, Fratelli d’Italia e tutto il centrodestra compatto: ancora una volta e non vi daremo tregua fin quando non restituirete agli italiani la loro libertà” ha aggiunto Giorgia Meloni.