Lena Heady, la regina Cersei Lannister di GoT

·6 minuto per la lettura
Photo credit: Alberto E. Rodriguez - Getty Images
Photo credit: Alberto E. Rodriguez - Getty Images

È una donna cinica, disposta a tutto pur di arrivare ai propri obiettivi, a tratti pervasa da una lucida follia e ha una relazione col proprio fratello gemello. Cersei Lannister ha tutto per essere uno dei personaggi femminili più odiati delle serie televisive, ma la regina dei Sette regni ha anche dei tratti che la rendono una donna da ammirare per la forza, la determinazione e l’orgoglio che dimostra costantemente. In questo articolo proviamo a scoprire insieme qualcosa in più sull’attrice che la interpreta nella serie tv Game of Thrones e ripercorriamo alcuni momenti topici che vedono protagonista questo tragico personaggio ideato dallo scrittore statunitense George R.R. Martin.

Lena Heady è l'attrice che interpreta Cersei Lannister

A interpretare Cersei nella pluripremiata serie televisiva Game of Thrones è la splendida attrice britannica Lena Heady, divenuta famosa nel 2007 per aver interpretato la regina di Sparta, Gorgo, nel film “300”. Un successo arrivato dopo anni di partecipazioni a produzioni anche di un certo rilievo, ma che non avevano esaltato le grandi doti di recitazione di Lena, completamente dimostrate nelle otto stagioni del Trono di Spade. L'attrice è stata sposata con un musicista per cinque anni, ha avuto da lui un figlio nel 2010 e ottenuto il divorzio nel 2013. Nel 2015 ha dato alla luce una bambina, nata dalla relazione con il regista Dan Cadan, e per un breve periodo è stata legata a Jerome Flynn, attore e nel cast di Game of Thrones come interprete di Bronn, il mercenario al servizio di Tyrion Lannister. Sempre sul set del “Trono di Spade” ha avuto un flirt con Pedro Pascal, Oberyn Martell (La Vipera). Lena non ha mai nascosto di combattere da anni contro la depressione, che ciclicamente torna ad affacciarsi, e ha dichiarato di non assumere farmaci perché non vuole diventarne dipendente. Una forza d’animo che si sposa perfettamente con il personaggio di Cersei.

Cersei Lannister: l'amore ne Il Trono di Spade

Nella puntata introduttiva della prima stagione del Trono di Spade, Cersei ci viene presentata come la splendida moglie di Robert Baratheon, un re decadente, grasso e imbolsito, che dimostra più amore per la caccia e per le prostitute che nei confronti della sua regina. Tutta la famiglia reale si sposta da Approdo del Re, capitale dei Sette Regni, a Grande Inverno, dove governa Ned Stark, una specie di feudatario amico di Robert e di cui il sovrano si fida ciecamente. Durante la permanenza al Nord facciamo la conoscenza dei fratelli di Cersei, il nano dall’intelligenza strategica brillante, Tyrion, e il bello e valoroso soldato Jamie, gemello della regina di casa Lannister. Si intuisce subito l’astio che Cersei prova nei confronti del fratello deforme e anche l’affinità con il biondo cavaliere. Ma nulla lascia presagire quello che scopriamo, quasi per caso, sul finire dell’episodio. Quando lo spericolato e agile Bran Stark, uno dei figli di Ned, arrampicandosi su una delle torri del castello, scorge Cersei e Jamie che stanno consumando un rapporto sessuale incestuoso. Il piccolo, visto dai due, viene scaraventato dall’uomo nel vuoto. Il segreto è troppo grande e pericoloso per rischiare che venga rivelato…

Photo credit: Brian van der Brug - Getty Images
Photo credit: Brian van der Brug - Getty Images

Lancel Lannister e Cersei: torbidamente insieme

Ormai preparati dalla sorpresa che ci riserva il finale del primo episodio della prima stagione di Game of Thrones, non ci stupiamo quando, nel quarto episodio della seconda stagione, troviamo Cersei nel letto, tra le braccia di Lancel, il poco più che adolescente cugino della regina. Il ragazzo è il figlio del fratello del padre della regina, il potente capofamiglia Tywin Lannister. Non si capisce bene il motivo per cui Cersei coltiva anche questa relazione incestuosa. Lancel è un bel ragazzo, ma acerbo e dal carattere estremamente remissivo e debole. Sembra più alto il rischio di essere scoperta, piuttosto che il reale piacere che la regina può trarre dalla liason con suo cugino. Certo, quando la vediamo per la prima volta giacere con lui, suo marito Robert è morto e Jamie è da tempo prigioniero di Catlyn Stark. Cersei poteva sentirsi sola indubbiamente, ma non ci convince come spiegazione. Crediamo che la cosa abbia molto a che fare con l’incidente di caccia che ha causato la morte di re Baratheon.

Cersei e la furia cieca: voglia di vendetta

Durante le prime tre stagioni impariamo a conoscere meglio la leonessa di Castel Granito ( il leone è il simbolo sullo stemma della casata Lannister e Castel Granito la roccaforte di famiglia) e scopriamo un personaggio che sa essere spietato, calcolatore e meschino, ma anche amorevole e protettivo nei confronti dei suoi tre figli (tutti concepiti con il gemello Jamie). Nella quarta stagione arriva il momento delle nozze per Jeoffrey, il primogenito dei tre, e Cersei intravede un futuro luminoso per quel figlio che lei ama, nonostante sia perfettamente a conoscenza del suo carattere viscido e sadico, e che vuole vedere seduto sul trono più ambito. Il giorno della cerimonia nuziale tra Jeofrrey e Margaery Tyrell, tutto sembra procedere per il verso giusto, anche se il ragazzo non perde occasione per creare tensioni con suo zio Tyrion. Quando il banchetto sta per volgere al termine, però, mentre lo sposo sta bevendo l’ennesimo bicchiere di vino si accascia a terra per un malore e muore soffocato. Appare subito evidente che è stato avvelenato e la calma glaciale che sembra appartenere a Cersei viene spazzata via dalla furia cieca di una madre che soffre per la morte del figlio e che giura eterno odio per i responsabili. La reazione della regina è estremamente iconica perché la leonessa, per la prima e non ultima volta, perde il controllo di sé, dimostrandosi vulnerabile e per nulla inscalfibile come credeva e voleva far credere di essere.

GOT: Cersei Lannister e la Camminata della Vergogna

Nel Trono di Spade c’è un personaggio in grado, con la sua antipatia, di far diventare improvvisamente simpatica Cersei: l’Alto Passero. Ovvero un predicatore che all’inizio fa proseliti fra i poveri e i diseredati, per poi diventare un’autorità morale e religiosa talmente potente da riuscire a imprigionare la stessa regina (anche per cambiamenti strategici e politici che avvengono durante la serie). E, probabilmente, non c’è momento in cui empatizziamo di più con Cersei, di quando è costretta alla ‘Camminata della Vergogna’. Una donna che siamo abituati a vedere splendida, curata e fiera, costretta a passeggiare per le strade di Approdo del Re con i capelli tagliati, sporca e nuda. Una gogna pubblica alla quale viene sottoposta dall’Alto Passero per espiare i suoi peccati. Per poter rientrare nel palazzo reale Cersei deve sopportare di essere insultata, offesa, e schernita dal popolo che lei stessa ha fino ad allora maltratto. Una dimostrazione di potere del religioso, più che una equa punizione per un regnante spietato.

La si ami o la si odi, Cersei Lannister è uno dei personaggi femminili più sfaccettati, grandiosi e tragici mai scritti e l’interpretazione di Lena Heady nella serie televisiva rende assolutamente giustizia alla maestria con cui Martin ha tratteggiato la leonessa della casata Lannister nei libri finora pubblicati delle “Cronache del ghiaccio e del fuoco”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli