L'ennesimo comportamento irresponsabile

·1 minuto per la lettura
Viterbo viola quarantena fantacalcio
Viterbo viola quarantena fantacalcio

L’ultimo episodio di grave irresponsabilità legato al coronavirus arriva da Viterbo dove un ragazzo ha violato la quarantena per partecipare all’asta del Fantacalcio. Il risultato è che dal giorno dell’incontro, avvenuto all’incirca alla metà di ottobre, sono risultati contagiaio gli altri partecipanti all’incontro generando un cluster di grandi dimensioni. Non si tratta purtroppo di un caso isolato nel comune laziale dove anche un’altra persona, un adolescente nello specifico, ha avuto un atteggiamento simile e ha partecipato ad una cena mentre era in attesa dell’esito del tampone, poi rivelatosi positivo, con conseguente focolaio esteso fino a 20 persone.

Viterbo, viola quarantena per il fantacalcio

Situazioni queste che mettono a dura prova la pazienza del personale medico e sanitario e che fanno innervosire i molti cittadini che invece rispettano le regole nel rispetto della collettività. Sempre a Viterbo, stando quanto riportato da Repubblica, la Asl avrebbe delle grandi difficoltà a tracciare i contatti a causa del fatto che molti positivi mentirebbero sui contatti stretti per evitare agli stessi di dover finire in quarantena.

I dati della provincia laziale nella giornata di oggi, 5 novembre, parlano di 196 nuovi positivi e due decessi. Nel solo capoluogo i casi sono 49, 19 a Nepi, 16 a Civita Castellana e 10 a Orte. Il sindaco di Viterbo, Giovanni Maria Arena, ha più volte ripetuto in questi giorni di essere pronto a chiudere tutte le scuole qualora la situazione continuasse ad aggravarsi: “Qualora nei prossimi giorni dovessero verificarsi nuove impennate di contagi tra gli alunni, procederò con l’adozione dei provvedimenti che al momento riterrò più opportuni”.