L'enorme murales di Carlos Atoche alla Garbatella

·3 minuto per la lettura

AGI - Ogni donna è una Venere, e deve amare prima di tutto sé stessa. L'ecomurales del noto street artist peruviano Carlos Atoche – la sua opera più grande nella Capitale – è stato svelato oggi a Largo delle Sette Chiese, nel cuore del quartiere Garbatella, è dedicato alla consapevolezza del proprio corpo e alla cura di sé, ed è soprattutto un invito alla prevenzione per cui Susan G. Komen Italia lavora senza sosta da oltre vent'anni.

Il progetto è stato ideato e interamente sostenuto da McArthurGlen - Castel Romano Designer Outlet e curato da Yourban 2030 – no profit all'avanguardia nella street art sociale ed ecosostenibile – con il patrocinato dal Municipio Roma VIII – Roma Capitale.

L'opera #AMORETCURA è maestosa e intima allo stesso tempo. Per millenni Afrodite è stata rappresentata semicoperta da un mantello, con un'espressione solenne e sacrale che esalta il forte senso di dignità della dea: qui il drappeggio lascia scoperto il seno ed è sorretto dalla mano della Venere, in un gesto di protezione e di cura di sé.

Atoche rivisita e attualizza l'arte classica interpretando la figura di Venere in modo visionario, conferendole una vitalità propria dell'arte sudamericana. La figura è potente, addolcita dallo stile pittorico, con colori predominanti nella gamma del magenta.

“Con questa immagine ho cercato di restituire, in modo poetico, la potenza femminile e la capacità dell'universo donna di affrontare tutte le difficoltà, semplici o complesse che esse siano” – racconta Carlos Atoche - “Ho voluto rappresentare la cura di sé ma anche l'energia della donna che resiste in un mondo patriarcale ed ostile. Così attraverso i secoli, oggi come ieri, ogni “Venere” ha conquistato diritti e spazi negati, combattendo non solo per liberarsi dalle regole maschiliste imposte dal sistema, ma soprattutto per ritrovare un equilibrio all'interno del proprio mondo interiore”.

“Abbiamo scelto di regalare alla nostra città l'opera di un grande street artist, che possa ricordare ogni giorno a tutte le donne l'importanza della prevenzione e della cura di sé. Siamo felici di dedicarla a Susan G. Komen Italia, che realizza da anni un lavoro straordinario dedicato alla prevenzione e cura della donna” – dichiara Enrico Biancato, Centre Manager di McArthurGlen - Castel Romano Designer Outlet – “Da sempre l'universo femminile è centrale nella vision del gruppo McArturGlen: ci pregia menzionare, al riguardo, che oltre il 70% delle risorse che con il loro lavoro determinano il successo di McArthurGlen sono donne”.

Da non sottovalutare il valore ecologico del murales. Come in tutti i suoi progetti artistici, Yourban 2030 ha utilizzato esclusivamente pitture Airlite, una tecnologia che si applica come una pittura su qualsiasi superficie trasformando ogni parete in un depuratore naturale, riducendo gli ossidi di azoto, principale causa di morte derivante dall'inquinamento dell'aria. Un ecomurales di 100 mq, come quello realizzato qui in Largo delle Sette Chiese elimina lo smog di circa 21 auto benzina “Euro 6” al giorno. “Per la prima volta in Italia, possiamo dire che l'Arte è Prevenzione” - dichiarano Veronica De Angelis e Maura Crudeli, Presidente e Vicepresidente di Yourban 2030 - Roma, da oggi, ha una nuova Venere, un'opera d'arte che non solo ha la missione di ricordare a tutte le donne che la prevenzione è importante, ma anche un'opera che attivamente purifica, al tempo stesso, l'aria da quelle emissioni che, come è ampiamente dimostrato, pregiudicano fortemente la salute, aumentando le possibilità di malattie anche gravi”.