Leo Gassmann si è laureato: sui social la dedica di papà Alessandro

Leo Gassmann si è laureato. Sui social la dedica di papà Alessandro (Photo by Rocco Spaziani/Archivio Spaziani/Mondadori Portfolio via Getty Images)
Leo Gassmann si è laureato. Sui social la dedica di papà Alessandro (Photo by Rocco Spaziani/Archivio Spaziani/Mondadori Portfolio via Getty Images)

Leo Gassmann, cantautore e vincitore del Festival di Sanremo 2020 nella categoria "Nuove Proposte", si è laureato concludendo il ciclo di studi in Arte e comunicazione all'Università americana John Kennedy di Roma.

Presenti il giorno della tesi mamma Sabrina Knaflitz e papà Alessandro Gassmann i quali non hanno mancato di dimostrare la loro gioia condividendola con i propri fan. Alessandro ha pubblicato un selfie con la moglie , scrivendo nel post: “La faccia della felicità? Questa. Laurea del figlio”. Nella seconda fotografia, invece, appare Leo attorniato dai suoi compagni di corso.

GUARDA ANCHE: Leo e Alessandro Gassman ci raccontano la mostra sul nonno

Poche ore prima dell'evento, il figlio e nipote d'arte aveva pubblicato un link da cui poter seguire la diretta della laurea: “Oggi è un giorno importante perché mi danno la laurea e faccio il lancio del cappello! Se volete vi lascio il link per seguire la premiazione. Vi voglio bene, facciamolo insieme”.

Leo Gassmann ha cominciato a suonare la chitarra classica a soli 7 anni, è entrato al Conservatorio di Santa Cecilia, a Roma, a 9 anni, e ha sempre coltivato la sua passione per la musica. Il giovane ha cercato in ogni modo di costruirsi la sua strada professionale, al di là del suo cognome. Nel 2018 ha partecipato alla dodicesima edizione di X Factor, classificandosi al quinto posto. A febbraio 2020 ha preso parte al Festival di Sanremo nella categoria Giovani trionfando con la canzone “Vai bene così”.

Leo Gassmann al Castello Sforzesco a Milano (Photo by Roberto Finizio/Getty Images)
Leo Gassmann al Castello Sforzesco a Milano (Photo by Roberto Finizio/Getty Images)

Pochi giorni fa, il ragazzo è stato protagonista di un fatto di cronaca. Ha aiutato una ragazza di 30 anni, vittima di un’aggressione, nel quartiere Portonaccio di Roma est. Dopo una serata con gli amici, alle quattro del mattino Leo stava rientrando e la ragazza le si è avvicinata dicendo di essere stata molestata. Così, Leo Gassmann l’ha accompagnata all’ospedale Policlinico Umberto I e ha poi lanciato un messaggio positivo: “Aiutare il prossimo dovrebbe essere una priorità di ogni essere umano. Se vi capita di notare per strada una ragazza o un ragazzo in difficoltà, non voltategli le spalle. Non aspettate che l’atto si manifesti, bloccatelo sul nascere”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli