Leonardo Lidi: "Ginesio Fest punta sui testi e sui giovani"

(Adnkronos) - La parola guida di questa edizione del 'Ginesio Fest', che si svolgerà dal 18 al 25 agosto a San Ginesio - il paese marchigiano che porta il nome del santo protettore degli attori di teatro - è 'ricostruzione'; e il termine intende richiamare sia l'evento tragico del terremoto che ha colpito anche le Marche nel 2016, sia l'evento culturale proposto per il territorio. "Ancora non abbiamo il teatro, si spera che lo avremo a breve; e si sta lavorando per riportare la normalità in questo luogo", premette l'attore Leonardo Lidi, direttore artistico del 'Ginesio Fest', intervistato dall'AdnKronos.

"Ma vogliamo anche proporre una 'ricostruzione' della parola in questo momento traumatico fra pandemia e guerra, la ricostruzione di un 'alfabeto' che possa dare la possibilità di raccontare emotivamente e drammaturgicamente quello che abbiamo provato e stiamo ancora provando, le emozioni di una società ferita, ripartendo dalla voglia di stare assieme", spiega Lidi.

Attenzione particolare verrà riservata al pubblico giovanile. "E' importante e cerchiamo di affermarlo con forza in tutte le nostre azioni artistiche - conferma Lidi - Purtroppo, c'è la cattiva abitudine nel teatro italiano di abbinare la gioventù ai difetti, ma la meritocrazia non guarda la carta d'identità... Dobbiamo riporre fiducia nei giovani, io da parte mia l'ho ricevuta e ora è giusto che in qualche modo la restituisca", afferma l'attore 33enne, fra i più giovani direttori artistici italiani, alla sua prima edizione del 'Ginesio Fest'.

Lidi osserva che "lo stato di salute del festival è sano, anche grazie alle precedenti conduzioni", ultima in ordine di tempo quella affidata a Vinicio Marchioni. "E' bello lavorare qui, si avverte l'inizio di un percorso. Puntiamo sia sui testi classici che sulla nuova drammaturgia, con un'attenzione particolare alle nuove scritture che non hanno paura di confrontarsi con la cronaca, con l'attualità, con la quotidianità", spiega il direttore artistico del 'Ginesio Fest'.

La giuria, presieduta da Remo Girone, premierà quest'anno Petra Valentini e Paolo Pierobon, quali miglior attrice e attore di teatro. "Una scelta in cui io non ho avuto alcun ruolo e peso, ma che - sottolinea Leonardo Lidi - condivido e mi rende felice. Sono due grandi attori che da spettatore teatrale ho sempre amato molto, anche perché entrambi credono nel teatro di parola, che portano avanti con esperienze differenti".

(di Enzo Bonaiuto)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli