Leopolda 10: il palco da concerto, l'albero e gli Imagine Dragons

webinfo@adnkronos.com

Un albero di corbezzolo dei vivai pistoiesi. Una panchina da parco, l'altalena per bambini. E poi arredo strettamente vintage e industriale per il palco. Tra prove luci e check sound, ultimi preparativi per la Leopolda 10 che parte stasera alle 21. Colore dominante il fucsia. Colonna sonora il pop rock degli Imagine Dragons. 

La novità di quest'anno è la forma del palco: per la prima volta c'è un passerella che si protende verso la platea. Tipo quelle dei concerti quando il frontman avanza verso il pubblico. Sul palco, oltre l'albero e l'altalena, ci sono vari oggetti di arredamento vintage: due divani in pelle, un giradischi, un mangiadischi, una macchina da scrivere, un mappamondo e delle valige. E poi il tavolo centrale, ricavato da pancali, e una libreria. Sulle pareti della stazione Leopolda, grandi cartelloni con citazioni che riassumono lo spirito della prima kermesse renziana dopo la scissione dal Pd: "Cambiare è la regola della vita. E quelli che guardano al passato o al presente, certamente perderanno il futuro", John Fitzgerald Kennedy. E poi una frase del filosofo Joseph Joubert: "Quelli che non ritrattano mai le proprie opinioni amano se stessi più che la verità". Poi un proverbio cinese che recita: "Quando soffia il vento del cambiamento alcuni costruiscono dei ripari, altri costruiscono mulini a vento". Infine, "Gli inizi hanno un fascino indescrivibile", frase di Moliere.