L'episodio al liceo artistico statale Marco Polo di Venezia.

·1 minuto per la lettura
Prof vieta indossare top
Prof vieta indossare top

Una professoressa di educazione fisica del liceo artistico statale Marco Polo di Venezia ha vietato alle proprie studentesse di indossare il top durante le ore di ginnastica in quanto l’indumento distrarrebbe, per l’insegnante, i compagni di classe maschi.

Prof vieta di indossare il top a scuola

La decisione ha attirato diverse polemiche sostenute in particolar modo dal Collettivo Polo-Las (Liceo artistico statale) che su Instagram ha duramente attacato quanto fatto dalla professoressa. In tutta risposta le ragazze della scuola hanno poi deciso di presentarsi in classe tutte in top, proprio per testimoniare il proprio disappunto.

Vieta di indossare il top alle ragazze, polemica per la prof

“Non accetteremo di doverci coprire per paura che qualcuno possa guardarci toccarci o fischiarci – ha detto sul tema Nina Mingardi, del collettivo Polo-Las – Non vogliamo essere educati alla paura, ma al rispetto. E, per insegnare il rispetto, mostrare le nostre forme è esattamente quello che intendiamo fare: andare in top a scuola, in palestra e in qualsiasi posto vogliamo. E, se le ragazze saranno punite per questo, come collettivo siamo pronti a rispondere”.

Prof vieta di indossare il top: “Distrae i maschi”

Sempre secondo la Mingardi la professoressa avrebbe anche aggravato la propria posizione inneggiando al decoro per sottolineare l’inappropiattezza del top durante l’ora di ginnastica. “Il decoro con l’abbigliamento non c’entra proprio nulla – redarguisce il collettivo Polo-Las – Una persona non è qualificata dai suoi abiti. E infatti la nostra protesta va oltre la discussione con la singola insegnante. È arrivato il momento di imparare a scindere le persone dagli abiti che indossano”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli