L'esperanto compie 132 anni

Red/Orm

Roma, 26 lug. (askanews) - Una lingua oggi festeggia i suoi 132 anni di vita e di costante crescita: è l'esperanto, lanciato il 26 luglio 1887 dal polacco Zamenhof attraverso la pubblicazione di un opuscolo in russo a Varsavia. All'inizio, questa lingua non aveva nemmeno un vero nome. Il libricino si intitolava laconicamente "Lingua internazionale" e venne tradotto in francese, inglese, ecc. Sulla copertina c'era anche lo pseudonimo dell'autore "Dottor Esperanto", il dottore che spera.

La lingua da allora si è diffusa, nonostante i conflitti mondiali e le persecuzioni da parte dei totalitarismi, per offrire un fondamento neutrale sul quale gli uomini possano mettersi in comunicazione egualitariamente e fraternamente, sottolinea in una nota la Federazione Esperantista Italiana. Per abbattere le barriere dell'incomunicabilità tra persone di diversa cultura. Si può apprenderla con lezioni dal vivo presso i gruppi locali, studiandone un libro di grammatica oppure con internet. Oltre i corsi gratuiti offerti dalla Federazione Esperantista Italiana, c'è anche Duolingo.(Segue)