L'estate delle isole greche, un giro di affari da 20 miliardi di euro

Nonostante la mancanza di turisti ucraini e russi, il turismo in Grecia riprende quota, con un boom di presenze. Solo nel mese di giugno dalla Gran Bretagna e dalla Germania sono arrivati ben 900.000 visitatori affollando di nuovo spiagge e locali come in epoca pre-Covid.

Secondo gli ultimi dati i britannici che hanno scelto la Grecia per rilassarsi e godere del mare cristallino sono stati oltre 540 mila. Per la prima settimana di agosto le autorità prevedono l’arrivo di oltre un 1 milione turisti. Angela Gerekou, Direttrice Ente Turismo ha notare che ad oggi c’è stato un aumento del 20% degli arrivi di aerei rispetto al 2019. Anche le crociere nei mari greci sono aumentate del 25%. Una stagione che, come prevedono gli enti e le autorità, dovrebbe fruttare all'economia greca 20 miliardi di euro a fronte dei 18 miliardi del 2019.

Le speranze dei commercianti

Il governo di Atene vuole favorire la ripresa del settore turistico, dopo due stagioni pesantemente condizionate dalla pandemia di Covid19. Nel 2020 le presenze sono diminuite del 30% rispetto al 2019, senza tornare ai livelli precedenti alla crisi l'anno successivo.

"Speriamo che questa stagione sia migliore delle due precedenti, segnate da presenze vicine allo zero. Dai primi segnali che abbiamo sembra sia così, ma nessuno può prevedere gli sviluppi futuri", dice Nikos Makropoulos, proprietario di un negozio turistico. Lo stesso cauto ottimismo si registra nelle parole di Andonis Maris, titolare di una gioielleria: "Siamo partiti con ottime aspettative, ma la guerra in Ucraina e l'aumento dei prezzi non ci aiutano".

Il governo greco ha stanziato 800 milioni di euro di aiuti di Stato per supportare le imprese turistiche colpite dalla crisi sanitaria, che ora sperano di poter camminare con le proprie gambe.

Come ogni anno, nei mesi primaverili ed estivi, ci sarà da affrontare la concorrenza di Turchia e Spagna, che cercano anch'esse di attirare turisti dai Paesi del Nord Europa offrendo climi simili a quelli della Grecia e altrettanto rinomate località balneari.

Dopo due anni di pandemia è tornata la voglia di viaggiare anche se, con i recenti caos negli scali europei, c’è chi ha disdetto le prenotazioni. Non è il caso della Grecia, almeno secondo la Direttrice dell’ente del turismo greco. Qui funziona tutto alla perfezione. E così, nonostante la guerra in Ucraina e il costo della vita che è lievitato, la Grecia torna ad essere una delle mete preferite in questa calda estate.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli