L'estinzione del dugongo dalle coste della Cina

Science Photo Library / AGF

AGI - Uno studio appena diffuso afferma che il dugongo, un mammifero vegetariano che attraversa l'Asia e l'Africa, è sostanzialmente scomparso dalla costa del paese. Ne da notizia il New York Times, che parla di una specie di mucca di mare che vaga per i fondali oceanici in Asia e Africa e che si dice abbia ispirato antiche leggende sulle sirene.

Avvistata per secoli al largo della costa meridionale della Cina, si dice anche che si stia per estinguere perché ultimamente è scomparsa da tutti i radar d'avvistamento. Il risultato è di un rapido crollo della sua popolazione iniziato a metà degli anni '70.

Il termine tecnico, tuttavia, è “estinzione funzionale", che significa che anche se alcuni dugonghi sono ancora vivi al largo delle coste cinesi, “il loro numero è troppo piccolo per mantenere una popolazione vitale. I dugonghi restano occasionalmente impigliati nelle reti da pesca e l'erba marina che mangiano nella parte settentrionale del Mar Cinese Meridionale si è degradata nel corso degli anni”.

Lo studio, pubblicato online questa settimana sulla rivista Royal Society Open Science, è basato su interviste con quasi 800 pescatori nel sud della Cina e si presenta anche come un monito per altri mammiferi nel Mar Cinese Meridionale, sito di straordinaria biodiversità marina che deve affrontare la forte pressione di pesca eccessiva, dello sviluppo costiero e altri stress.

Ci sono infatti ancora circa 100.000 dugonghi che vivono nelle acque al largo di circa 40 paesi, ma le ultime scoperte non fanno ben sperare per altre popolazioni di animali in Giappone e nel sud-est asiatico, ha affermato Helene Marsh, professoressa emerita di scienze ambientali presso la James Cook University di Queensland, Australia.

I mammiferi marini, compresi i dugonghi, si sono evoluti per la prima volta nell'Epoca Eocenica, passando da circa 54 milioni a 34 milioni di anni fa, in particolare nell'ampio mare poco profondo che si estende dal Pacifico all'attuale Mediterraneo, secondo una ricerca di Annalisa Berta, professoressa emerita di biologia alla San Diego State University.

I dugonghi appartengono ai Sirenia, un ordine biologico che include il dugongo e tre specie esistenti di lamantini. Tutti e quattro sono conosciuti colloquialmente come "mucche di mare", ma il dugongo è l'unico che vive esclusivamente in acqua salata. È anche l'unico mammifero marino completamente vegetariano al mondo.

La dottoressa Marsh sostiene che molte delle leggende si basano sull'idea che i sireni – così sono anche chiamati i dugonghi – come le sirene dell'"Odissea" di Omero, attirino i marinai con proprietà magiche.

I dugonghi una volta avevano una gamma ancora più ampia di possibilità che si estendeva fino all'Atlantico occidentale e ai Caraibi, e c'erano diverse specie di dugongo. Una di queste, la mucca di mare di Steller, era una fonte di cibo per i cacciatori e gli esploratori del 18° secolo nel Pacifico settentrionale, ma fu dichiarata estinta 27 anni dopo la sua scoperta nel 1768.

Tuttavia, al contrario, l'Australia può vantare oggi la più grande popolazione mondiale di dugonghi, principalmente grazie a un'enorme costa scarsamente popolata circondata da abbondanti praterie marine, ha detto il professor Marsh mentre “la popolazione al largo della Cina meridionale non è mai stata particolarmente consistente perché in primo luogo non c'erano così tante alghe marine di cui potersi nutrire”, ha aggiunto.

Ora il dugongo potrebbe essere scomparso per sempre dalla costa cinese, unendosi al delfino del fiume Yangtze e ad altre specie scomparse dai fiumi e dai mari del paese. Il recente studio ha descritto il rapido collasso della popolazione di dugongo cinese dal 1975 come una circostanza che deve “far riflettere sul fatto che l'estinzione locale può avvenire in brevissimo tempo".

Ora, lo studio condotto da ricercatori di istituzioni in Cina, Grecia e Gran Bretagna si basa su interviste avvenute nell'estate del 2019 con 788 pescatori lungo la costa meridionale della Cina. Solo tre di loro hanno riportato avvistamenti di dugongo nei cinque anni precedenti.

Gli autori dello studio hanno anche analizzato i registri dei dugonghi per la Cina, i quali mostrano che 257 dugonghi erano stati cacciati lì per procacciare il cibo tra il 1958 e il 1976. Al contrario, non ci sono state osservazioni sul campo verificate di dugonghi in Cina dopo l'anno 2000.

È possibile che una popolazione "residua" di dugonghi sia sopravvissuta al largo della costa meridionale del paese, ma il continuo degrado delle alghe e di altre risorse costiere nel Mar Cinese Meridionale rende improbabile la prospettiva di una ripresa della popolazione, scrivono un po' sconsolati gli autori dello studio.