L'eterno allarme per il clima, le inquietudini della Cop27

Le Nazioni Unite lanciano un avvertimento: non si sta facendo abbastanza per combattere il riscaldamento globale. L'anno scorso, durante la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP26 a Glasgow, in Scozia, tutti i paesi hanno deciso di rafforzare i loro piani climatici, tuttavia, solo 24 nazioni su 193 hanno presentato piani aggiornati all'ONU. Un preciso motivo di preoccupazione è che i tre principali gas serra - anidride carbonica, metano e protossido di azoto - hanno raggiunto livelli record nell'atmosfera l'anno scorso - gli esperti dicono che è un segnale inquieta.

I lock-down non sono serviti

"Tutti questi tre gas hanno nuovamente battuto nuovi record, quindi finora non abbiamo visto alcun reale miglioramento nella biosfera. E ad esempio, negli ultimi due anni, abbiamo assistito a blocchi in molti paesi in cui le emissioni avevano quasi azzerato l'anidride carbonica, ma a causa della lunga sopravvivenza di questi gas non c'è stato alcun miglioramento tangibile nell'atmosfera": ha detto Petteri Taalas, Segretario Generale dell'Organizzazione Meteorologica Mondiale

Inondazioni di ondate di calore

Tra meno di due settimane i leader mondiali si riuniranno in Egitto per la COP27. Col pianeta flagellato da tempeste, ondate di caldo e inondazioni legate al clima e alle temperature di 1,2°C al di sopra dei livelli preindustriali, gli esperti del clima delle Nazioni Unite affermano che il mondo deve agire molto urgentemente per ridurre le emissioni di gas a effetto serra.