L'Etna è un coro di bocche e ha il suo 'pentagramma'

Foto di Alessandro Bonforte

AGI - L'Etna si 'ricarica' e canta, tanto da stupire i vulcanologi l'Ingv, che scrivono le note della sua musica infrasonica su un 'pentagramma'. "Appena cominciato il turno di lavoro, mi ha colpito la perfetta intonazione delle canne d'organo del Mongibello. Dal segnale mi pare evidente come si ripetano tre diverse 'note' sempre uguali a sè stesse, provenienti evidentemente da tre diverse sorgenti, le bocche, e con diversa 'accordatura'", spiega il vulcanologo Alessandro Bonforte, accompagnando una foto che su Facebook indica le 'note' su uno dei monitor della sala operativa di Catania.

Insieme con i colleghi, Bonforte 'ascolta' il vulcano per comprendere cosa stia preparando, dopo aver incantato, fino a prima dell'estate, con mirabolanti parossismi, fontane di lava e colate di magma. "Quando ero ragazzo suonavo, facevo musica - dice Bonforte - e oggi mi ha colpito il 'coro' dell'Etna, e il fatto che c'erano due o tre voci nette, distinte tra loro. Due, sicuramente, provenienti da altrettante bocche diverse in attività e sempre con la stessa impronta sonora".

L'infrasuono è un suono al di sotto dalla frequenza udibile dall'uomo. "In questo caso - prosegue Bonforte - si tratta di bolle che esplodono, bolle di gas". "Le studiamo per scoprire l'attività del vulcano - aggiunge Bonforte - e la loro variazione nella frequenza ci dice qualcosa sul degassamento. Un aumento della frequenza di queste esplosioni infrasoniche può preludere a un'attivitù piu' intensa e anche più visibile".

La rete infrasonica dell'Etna è stata progettata per rilevare il "ruggito silenzioso" dei vulcani. A gennaio, dopo circa 17 ore di viaggio nell'atmosfera, le onde acustiche prodotte dall'esplosione dell'Hunga Tonga-Hunga Haapai giunsero sul vulcano siciliano. Le onde acustiche non erano udibili perchè erano al disotto delle frequenze ((20 Hz) che l'orecchio umano può percepire. Cosa sta facendo adesso l'Etna? "Appena finita una eruzione - conclude Bonforte - si ricarica. In queste ore sta gonfiando. Se e quando ci sarà un'eruzione, però, lo sapra' solo lei. E, come sempre, ci sorprenderà".