Letta: “Attenzione a Renzi, se non rispetta i patti si vada al voto”

Letta Renzi

Intervistato a L’aria che tira (La7), l’ex premier lancia un monito a Conte e Zingaretti. Letta consiglia infatti ai due big di prestare attenzione a Matteo Renzi, “a differenza di quanto ho fatto io in passato“.

Enrico Letta su Matteo Renzi

Il commento arriva dopo la pubblicazione sul Corriere della Sera della lettera aperta che Renzi ha scritto al direttore. Il neo fondatore di Italia Viva ha rivendicato tutti i risultati ottenuti dal suo governo in materia economica, spiegando le priorità che secondo lui dovrebbe avere l’attuale esecutivo. Tra queste spicca la rimodulazione del debito senza toccare le aliquote Iva.

L’ex premier non manca poi di criticare la scelta di stanziare solo 3,4 miliardi per la riduzione del cuneo fiscale. Di fronte a questa situazione Enrico Letta si rivolge direttamente a Conte e Zingaretti. Spiega che al momento loro hanno il coltello dalla parte del manico, non essendo più Renzi vertice del primo partito italiano. Per questo consiglia di offrirgli un patto. “Se questo verrà rispettato il governo potrà andare avanti, altrimenti meglio andare al voto“, continua.

Definisce infatti la situazione in cui versa oggi la maggioranza “un Vietnam“, sostenendo che se va avanti in questo modo “non mangerà il panettone“. Vale a dire, non arriverà nemmeno a Natale. Di qui il monito a “non fare come me“, ricordando come Renzi l’avesse tranquillizzato sulla sua permanenza a Palazzo Chigi salvo poi spodestarlo poco tempo dopo.

Il celebre “Enrico stai sereno” è stato poi riesumato da Letta stesso nel corso della puntata. All’affermazione della conduttrice Myrta Merlino “Renzi mi ha assicurato che quest’anno non si va al voto“, ha risposto con un sarcastico “Allora siamo tutti sereni“.