Letta: da Bce campanello d’allarme, accelerare sulle riforme

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Rho(MI), 10 giu. (askanews) - "L'aumento dei tassi e la politica della Bce è sicuramente in questo senso un campanello d'allarme, è molto importante che come conseguenza di quanto sta succedendo, l'instabilità che c'è sui mercati che rischia di penalizzare noi che abbiamo un debito più alto, che noi acceleriamo sulle riforme". Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, a margine di una visita al Salone del mobile.

"C'è bisogno di accelerare sulle riforme, sul ddl concorrenza, sulle altre grandi deleghe, c'è bisogno che la risposta dell'Italia sia la risposta di un Paese che sa che non può permettersi di non fare le riforme economiche importanti che servono a dimostrare che siamo un Paese competitivo. Sono fiducioso perché vedo che il Governo e il ministro del Tesoro hanno un quadro di finanza pubblica che è assolutamente compatibile con quello che sta succedendo, il deficit è sotto controllo, il debito è gestito, ma è evidente che una situazione di difficoltà ulteriore ci metterebbe in grande imbarazzo" ha aggiunto.

"Sono tra quelli - ha osservato il leader dem - che guardano con grande preoccupazione a quanto sta accadendo in questi giorni, al fatto che lo spread è risalito, i mercati finanziari sono di nuovo molto nervosi. Ovviamente l'Italia per il debito pubblico che abbiamo rischia seriamente dentro questa situazione di instabilità dei mercati. Mi sento quindi di fare un appello a tutti perché ognuno, nelle sue diverse funzioni, metta un sovrappiù di responsabilità in questo momento. Ogni fibrillazione in più al Governo secondo me ha effetti negativi sul nostro debito. È chiarissimo che siamo molto più attenzionati, molto più guardati con preoccupazione per via del debito pubblico che abbiamo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli