Letta: enorme problema femminile nel partito, capogruppo donne

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 21 mar. (askanews) - "Quando sono arrivato ho detto che c'è un problema enorme di presenza femminile nel nostro partito: tre ministri sono uomini, io sono un uomo. Penso che per forza di cose due capogruppo debbano essere due donne. Non possiamo fare una foto di gruppo del partito e presentare voti di soli maschi. In Europa sono cose che possono fare solo Viktor Orban in Ungheria o Mateusz Morawiecki in Polonia". Lo ha detto il segretario del Partito Democratico Enrico Letta, in un'intervista al quotidiano Il Tirreno.

Letta ha parlato anche dei due capigruppo attuali del Pd, Graziano Del Rio e Andrea Marcucci, entrambi ex renziani rimasti nel partito in altre correnti. "Non è una bocciatura - ha aggiunto Letta - Sono le figure di maggior rilievo che abbiamo, hanno lavorato benissimo e potranno tornare utilissimi in altri ruolo. Siamo intorno alla metà della legislatura ed è giusto lasciare spazio a due donne". Che però "assolutamente" non sarà il segretario a scegliere: "Ai gruppi suggerisco che votino e scelgano senza drammi. Non le indico io le capogruppo, le scelgano. Tutti mi hanno votato, quindi non c'è maggioranza o minoranza. La mia esperienza lontano dal partito per sette anni mi suggerisce che oggi esiste una sensibilità per la quale non è immaginabile il maschilismo".

Per quanto riguarda i due vicesegretari, letta ha spiegato che "li ho scelti fuori da ogni negoziato torrentizio, sono due persone che incarnano due profili diversi fra loro. Appunto un partito plurale, tanti portano riconoscersi".