Letta: "Fare leva sugli indecisi. A destra intrecci pericolosi con Orban e Putin"

no credit

AGI -"Dobbiamo parlare agli indecisi, e, oltre alla nostra prospettiva, dobbiamo dire che quelle persone le abbiamo già trovate". Il segretario nazionale del Pd, Enrico Letta, intervene a Potenza durante una iniziativa elettorale a 8 giorni dalla chiamata alle urne. "Bisogna fare il lavoro sulla memoria. L'ultima volta che l'abbiamo provata questa destra è stato con Berlusconi presidente".

Il leader dem ha poi ricordato come "Orban ha già ringraziato Salvini e Meloni per l'appoggio che gli stanno dando dicendo chiaramente che si aspetta che, in caso di vittoria del centrodestra, la destra italiana tolga le sanzioni a Putin".

"C'è - ha aggiunto Letta - un intreccio tra la nostra destra, Orban e Putin, che rappresenta in questo momento qualcosa di pericoloso per il nostro futuro, l'Italia non sta con Orban e Putin".

Un altro argomento toccato è stato quello relativo ai fondi del Pnrr. "Quando Meloni e Salvini dicono che dobbiamo rinegoziare i fondi del Pnrr, danno il messaggio che per loro l'Europa non è il primo riferimento".

Ieri @EnricoLetta lo ha chiesto in Aula e oggi il Governo ha accolto il nostro appello. Nel #decretoaiutiter ci sono misure contro il #carobollette per #terzoSettore e RSA. Un mondo di fragilità e difficoltà che per noi rappresenta una priorità assoluta e andava aiutato.#Scegli pic.twitter.com/2IUPp3n9gI

— Partito Democratico (@pdnetwork) September 16, 2022

"I fondi europei sono un'occasione straordinaria, e vanno usati subito, perché lì dentro ci sono anni e anni di slogan di campagne elettorali", ha concluso.

Sulla legge elettorale e le future alleanze, invece, Letta ha spiegato come sia "iper maggioritaria e applicata al taglio dei parlamentari. Farà sì che chi vince, vince con la maggioranza assoluta. E siccome possono vincere o il centrodestra o il centrosinistra, e noi puntiamo ad una rimonta che passi dal Mezzogiorno, e ci sono elementi che ce lo dicono, il discorso sulle alleanze in questo momento non ha senso di esistere".

Il segretario è tornato anche a parlare della tragedia che ha colpito le Marche. "Abbiamo interrotto la campagna elettorale in tutte le Marche, tutti i nostri volontari e militanti stanno lavorando per aiutare, ciò che è accaduto è terribile, ma non vorrei che si derubricasse quanto accaduto come purtroppo si è fatto col ghiacciaio della Marmolada crollato all'inizio di questa campagna elettorale"

"La natura - ha continuato Letta- si sta ribellando e noi dobbiamo rovesciare ciò, il negazionismo climatico che è parte di questa campagna elettorale, è completamente smontato da ciò che accade, per questo noi continueremo a dire che bisogna intervenire subito, riducendo inquinamento ed emissioni per aiutare il Paese ed evitare tragedie come queste".