Letta: volontà di intesa con Azione ma no a veti personali

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 1 ago. (askanews) - "Bisogna convincere tutti, e per farlo non bisogna essere escludenti ma inclusivi. Sono pronto a incontrare tutte le anime del possibile centrosinistra, da quelle liberali, riformiste, conservatrici a quelle più di sinistra, ambientaliste, senza che si cominci con i veti e le esclusioni soprattutto personali: 'quello è incompetente..' ma che modo è?". Lo ha detto il segretario del Pd Enrico Letta, parlando ai sindaci del partito, riferendosi in particolare a Calenda e Della Vedova e alle condizioni poste per un'alleanza.

"Con Calenda ci eravamo stretti la mano, eravamo d'accordo, poi questa strada è stata fatta saltare. Ma per me stringere la mano significa qualcosa di importante". Dunque "serve un accordo elettorale per un'alternativa vincente a qusta destra" ma "patti chiari e amiciazia lunga...".

Letta ha rivendicato lo "spirito di dignità di una forza che rappresenta milioni di elettori, decine di migliaia di militanti, e si candida ad essere la prima forza del Paese. Sono disposto a incontrarci, ma senza preclusioni, per trovare le soluzioni migliori".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli