Lettera con ossa e pezzi di carne a sindaco Puglianello

webinfo@adnkronos.com

Una lettera minatoria con all'interno delle ossa di pollo, pezzi di carne, alcune spille intrecciate e un testo che lo invitava a un appuntamento presso il cimitero è stata recapitata all'indirizzo del sindaco di Puglianello, Francesco Maria Rubano. L'episodio è stato denunciato dal suo gruppo in amministrazione comunale, quello di 'Uniti e Coerenti con Rubano Sindaco'.  

"Che si tratti di minacce o di un maleficio - scrivono -, è davvero inammissibile un episodio ai danni di una persona perbene e membro stimabile della nostra comunità. Una persona che la stragrande maggioranza dei cittadini di Puglianello ha voluto investire del prestigioso ruolo di guida. Evidentemente l’integrità morale di Francesco Maria Rubano, che si è sempre contraddistinto attraverso il suo stile personale e istituzionale, è scomoda per qualcuno o motivo di invidia e frustrazione per qualche altro. Ormai si è superato il limite massimo della decenza e della pazienza. Siamo convinti che le indagini delle forze dell’ordine possano accertare al più presto l’identità dei responsabili, vigliacchi a tal punto che non hanno nemmeno il coraggio di manifestarsi". L'episodio è stato immediatamente denunciato ai carabinieri che stanno indagando per risalire all'autore o agli autori del gesto.