Letteratura: è morta Bruna Marilena Palumbo, illustre grecista

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 26 apr. – (Adnkronos) – La docente universitaria Bruna Marilena Stracca Palumbo, illustre studiosa della letteratura greca, specialista degli epigrammi e della lirica, è morta all'età di 77 anni a Roma. Nata a Castelluccio Valmaggiore (Foggia) il 25 giugno 1943, ha svolto tutta la carriera accademica all'Università di Roma "La Sapienza" dove è stata professoressa di letteratura greca e dialettologia greca. Insieme a Massimo Di Marco aveva fondato e diretto la rivista "Poiesis. Bibliografia della poesia greca" ed era nel comitato dei consulenti della "Rivista di Cultura classica e Medievale".

Nella sua attività di ricerca Stracca Palumbo si è occupata prevalentemente di lirica arcaica, di commedia, di poesia alessandrina, di iscrizioni ed epigrammi. Specifici campi d'interesse della sua ricerca sono stati la metrica nei suoi aspetti teorici e pragmatici, l'indagine dialettologica applicata ai testi letterari, la poesia bucolica, il genere dei "carmina figurata". In anni più recenti le sue ricerche sono state indirizzate all'approfondimento di alcuni rilevanti aspetti della poesia ‘popolare‘ nella Grecia antica.

La grecista ha curato numerose edizioni critiche tra cui spicca "Idilli ed Epigrammi" di Teocrito per Rizzoli (1993). Tra le sue pubblicazioni "Un frammento delle Bassaridi di Eschilo" (Edizioni dell'Ateneo, 1966), "Efestione e gli asinarteti" (L'Erma di Bretschneider, 1976), "La teoria antica degli asinarteti" (Accademia dei Lincei, 1979), "Symphonia. Studi di dialettologia e metrica greca" (Sargon, 2013).