Leu a Renzi: ritiriamo emendamento, no strumentalizzazioni

Adm

Roma, 30 nov. (askanews) - Leu è pronta a ritirare l'emendamento che propone lo slittamento dell'equiparazione delle fondazioni ai partiti, dopo la polemica sollevata da Matteo Renzi. Il leader di Italia viva ha attaccato oggi l'iniziativa di Luca Pastorino e Nico Stumpo affermando che avanzando il sospetto che tutto sia nato dal fatto che "forse perché c'è qualche fondazione che ha qualche amico di Leu".

Ribattono Stumpo e Pastorino: "L'emendamento sullo slittamento dell'equiparazione delle fondazioni ai partiti nasce con uno scopo tecnico. La commissione preposta alle verifiche sarebbe infatti chiamata a controllare circa 6mila organizzazioni e oltre 50mila politici. E gli stessi magistrati della commissione, nel corso di un'audizione alla Camera, hanno detto che i compiti sono aumentati esponenzialmente rispetto all'organico a disposizione".

"Quindi - proseguono - nessuna strumentalizzazione, né emendamenti scritti in silenzio, ma la necessità di far fronte a una richiesta dagli organi di controllo".

Al tempo stesso "non c'è alcuna intenzione di fare polemica con Italia Viva né con altre forze di maggioranza e visto che evidentemente ci sono nervi scoperti, l'emendamento sarà ritirato domani alle 19. Auspichiamo comunque che i componenti della commissione siano messi nelle condizioni di operare le necessarie verifiche richieste dalla legge".