L'eurodeputata Tovaglieri alla Ue: riposte sul futuro energetico

Lme

Milano, 27 mag. (askanews) - L'eurodeputata lombarda Isabella Tovaglieri (Lega) ha presentato un'interrogazione alla Commissione europea sul futuro del petrolio alla luce degli obiettivi del Green Deal e delle conseguenze della pandemia Covid-19.

I quesiti sottoposti alla Commissione sono scaturiti dal Tavolo Ambiente della Lega Giovani della Lombardia. L'interrogazione, sottoscritta anche dall'europarlamentare veneto Paolo Borchia, chiede alla Commissione come pensa di soddisfare la domanda energetica futura del settore aereo, navale e della produzione industriale senza ricorrere ai combustibili fossili, progressivamente banditi dal Green Deal varato da Bruxelles, che ha come obiettivo la carbon neutrality per il 2050.

Le tecnologie attualmente disponibili non consentono di azzerare la raffinazione del petrolio, da cui anche in futuro molti settori continueranno a dipendere, pena la crisi di interi comparti industriali - spiega Tovaglieri. Secondo l'International Energy Agency (IEA) la domanda di petrolio caler nei prossimi anni ma non si azzerer nel 2050, quando il settore industriale rappresenter ancora il 23% della domanda e il settore dei trasporti/energia il 66%. Sono urgenti risposte chiare da parte della Commissione Europea e non ci bastano pi le dichiarazioni di intenti. Pretendiamo di sapere - conclude Tovaglieri - come intende agire Bruxelles per rendere sostenibile l'economia europea, anche alla luce della crisi generata dalla pandemia.