L'Europa è un po' più vecchia e un po' più povera

·4 minuto per la lettura

AGI - L'Ue conta 447 milioni di abitanti che rappresentano il 5,9% della popolazione mondiale, una quota che gradualmente perderà peso per raggiungere il 3,9% a livello globale nel 2080. E quanto risulta dalle proiezioni di Eurostat nel rapporto 2021 sulle chiavi statistiche dell'anno.

La popolazione dell'Ue è scesa il 10% mondiale nel 1974 e il trend è continuato fino ad ora. Secondo le stime, la popolazione dell'Ue "continuerà a crescere, anche se lentamente, fino al 2026 (449,3 milioni di abitanti), dopodiché dovrebbe scendere a 419,1 milioni nel 2080".

Uno dei fattori che spiega la tendenza è che nei Paesi sviluppati un tasso di fertilità totale di 2,1 è considerato il livello di sostituzione della popolazione, ma nell'Ue il dato si attesta a 1,53. Il fenomeno dell'invecchiamento della popolazione, osservato "in gran parte dell'Europa negli ultimi decenni", può avere "gravi risvolti per questioni come i fondi pensione, le entrate del governo e l'erogazione di servizi come quello sanitario e sociale", indica Eurostat. Oltre ai dati demografici, l'Ufficio stato dell'Ue raccoglie altri dati che aiutano a illustrare la realtà dell'Unione:

Salute

La speranza di vita è di media 84 anni per le donne e di 78,5 per gli uomini, secondo i dati del 2019. Nel 2020, scossi dalla pandemia, i Ventisette hanno registrato un aumento della mortalità del 13,4% rispetto al 2019, ovvero un totale di 5,2 milioni di morti e 619 mila in più rispetto all'anno precedente.

Ricchezza

Il prodotto interno lordo dell'Ue è stato di 13.306 miliardi di euro nel 2020. La Germania rappresenta il 25%, la Francia il 17,1%, l'Italia il 12,4%, la Spagna l'8,4% e i Paesi Bassi il 6%. Tuttavia, la pandemia ha causato un calo del Pil del 6,1% lo scorso anno, interrompendo la tendenza al rialzo registrata tra il 2014 e il 2019. Il 73,1% della popolazione lavora nei servizi, il 19,4% nell'industria, il 5,7% nell'edilizia e l'1,9% nell'agricoltura o nella pesca. Il reddito medio pro capite è di 31.170 euro, anche se con grandi differenze tra Paesi come Lussemburgo e Bulgaria.

Povertà

Nel 2020, il 20,9% della popolazione europea - 91,4 milioni di persone - era a rischio di povertà o esclusione sociale, 15,4 milioni in più rispetto al 2019.

Divario di genere

In Europa le donne guadagnano in media il 14,1% in meno degli uomini, essendo la Lettonia lo Stato membro con la maggiore differenza (21,7%) e il Lussemburgo con la minore (1,3%). 

Commercio

Nel 2020 il commercio internazionale è stato duramente colpito dalle restrizioni legate alla pandemia: le esportazioni europee sono diminuite del 9,4% annuo e le importazioni dell'11,7%. Complessivamente, l'Ue ha registrato un avanzo di 218 miliardi di euro.

Il commercio intraeuropeo ha rappresentato il 61% del totale e, rispetto al commercio internazionale, gli Stati Uniti sono stati il ​​primo mercato dell'Ue (18,3% delle esportazioni e 11,8% delle importazioni), seguiti dal Regno Unito (14,4 e 9,8%, rispettivamente), e la Cina (10,5 e 22,4%), che è stata anche il primo fornitore.

Energia e Trasporti

L'Ue importa il 60% dell'energia che consuma. Nel 2019, la Russia ha venduto all'Europa il 26,9% del petrolio e il 41% del gas naturale acquistato e quasi la metà dei combustibili solidi. I prodotti petroliferi hanno rappresentato il 37% dei consumi, seguiti da elettricità (22,8%) e gas naturale (21,3%). Le rinnovabili hanno rappresentato il 19,7% dei consumi finali lordi nel 2019, rispetto al 13,9% di dieci anni prima.

Nel 2019 c'erano 242 milioni di autovetture nell'Ue, ovvero più di un'auto ogni due persone. Il 76,3% delle merci ha viaggiato attraverso l'Ue su camion, il 17,6% in treno e il 6,1% per vie navigabili interne. A partire dal 2018, le emissioni di Co2 dell'UE sono diminuite in media del 20,7% rispetto ai valori del 1990. L'anidride carbonica nell'UE proviene dalle industrie energetiche (41,9%), trasporti (24,6%), edilizia (11,5%), agricoltura (10,1% ), industria (8,8%) e gestione dei rifiuti (3%). Tra tutte, solo le emissioni dei trasporti sono aumentate tra il 1990 e il 2018 (31,8%). 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli