Lewis non ce l’ha fatta: è morto il koala salvato in Australia

koala lewis

Non possiamo dimenticare l’immagine di una donna, Toni Doherty, che tenta di salvate dalle fiamme il koala Lewis. Un momento drammatico, nel quale si tenta un eroico salvataggio di un animale che però non ce l’ha fatta. Nel video diffuso sul web, Toni corre verso Lewis, lo rinfresca con dell’acqua e lo avvolge nella camicia: poco dopo, però, il koala muore. Infatti, le ustioni riportate dall’animale si sono rivelate troppo gravi e i veterinari per non aggravare la situazione hanno deciso di addormentarlo.

Morto il koala Lewis

Lo avevano chiamato Lewis in onore del nipote della donna che lo ha tratto in salvo: il koala giaceva tra le fiamme in un bosco in Australia. Con un gesto di enorme valore, Toni Doherty ha tentato il tutto per tutto per salvare l’animale. Dapprima sarebbe corsa nelle fiamme per recuperare il koala, poi lo avrebbe bagnato con dell’acqua e infine avvolto tra i suoi vestiti. poco dopo sono intervenuti i soccorsi che hanno trasportato Lewis all’ospedale veterinario a Port Macquarie, Nonostante si stesse forse riprendendo, le ustioni riportate dal koala hanno avuto la meglio. I veterinari, per non aggravare la situazione e la sofferenza dell’animale, hanno deciso di addormentarlo. Così è morto il piccolo Lewis. “Il nostro obiettivo numero uno – ha dichiarato l’ospedale dei koala di Port Macquarie – è il benessere degli animali. Per questo abbiamo preso questa decisione”.

L’ospedale ha avviato anche una raccolta fondi per installare degli abbeveratoi nei boschi spesso colpiti da incendi e ha cercato di costruire dei rifugi per la riabilitazione degli animali. Negli ultimi anni alcuni dati mostrano come almeno un migliaio di koala siano morti a causa degli incendi. Inoltre, l’80% del loro habitat naturale è andato distrutto dai roghi.