L'ex addetto stampa della regina: "Il principe Carlo convocato in ospedale dal padre per discutere del futuro della famiglia"

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·2 minuto per la lettura
- (Photo: getty)
- (Photo: getty)

“Il principe Carlo convocato al capezzale del padre Filippo in ospedale per discutere del futuro della famiglia reale”: è quanto da Dickie Arbiter, ex addetto stampa della regina Elisabetta. A riportare le dichiarazioni dell’uomo, che è stato al servizio di Sua Maestà dal 1988 al 2000, è il Daily Mail

Arbiter, che è stato al servizio di Sua Maestà dal 1988 al 2000, ha precisato che il duca di Edimburgo ha chiesto la presenza di suo figlio presso l’ospedale londinese King Edward VII lo scorso weekend.

La notizia arriva mentre il 99enne marito della regina Elisabetta trascorre il suo tredicesimo giorno in ospedale. Negli scorsi giorni, Buckingham Palace ha fatto sapere che il ricovero del principe Filippo si sarebbe prolungato a causa di un’infezione, pur specificando che il reale è “in condizioni confortevoli e risponde bene alle terapie”. “La mia ipotesi è che uscirà dall’ospedale e tornerà a Windsor”, ha aggiunto Arbiter.

“Un faccia a faccia di circa trenta minuti”, avevano scritto i tabloid britannici negli scorsi giorni parlando dell’incontro tra Carlo e il padre 99enne, avvenuto lo scorso fine settimana. I due non si vedevano da prima di Natale a causa delle restrizioni anti-Covid.

Secondo la stampa britannica, Filippo sarebbe preoccupato per il futuro della royal family mentre il regno è ancora scosso dall’allontanamento del principe Harry e della moglie Meghan Markle. La coppia, ormai stabilitasi in America, ha recentemente fatto sapere che non tornerà a riscoprire il ruolo di “working members”, ossia membri attivi della famiglia reale.

Il prossimo 7 marzo, la coppia rilascerà un’intervista tv a Oprah Winfrey. È stato anticipato che Meghan toccherà molti temi, dal suo ingresso nella Famiglia reale, al matrimonio, dalla maternità fino d...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.