L'ex ministro delle Comunicazioni afghano Sayed Sadaat ora consegna cibo a domicilio

·2 minuto per la lettura
Sayed Sadaat
Sayed Sadaat

Da ministro in Afghanistan a rider in Germania: è la storia di Sayed Sadaat, tra i migliaia di afghani che hanno trovato una nuova casa in Europa negli ultimi anni.

Sayed Sadaat: l’ex ministro afghano che ora fa il rider a Lipsia

Sayed Sadaat, 49 anni, era il ministro delle Comunicazioni del governo afghano guidato da Ashraf Ghani, ma nel 2018 decise di lasciare disgustato dall’alto livello di corruzione. Le dimissioni, ha raccontato all’agenzia Reuters, sono arrivate per “disaccordi con i membri della cerchia del presidente Ghani”.

Dal dicembre del 2020 Sadaat vive in Germania, a Lipsia, e si guadagna da vivere consegnando cibo a domicilio, sei ore ogni giorno durante la settimana, da mezzogiorno alle 22 nei weekend.

“Non c’è nessun motivo di vergognarsi, il lavoro è lavoro“, ha dichiarato Sadaat alla Afp. “Se c’è un posto di lavoro vuol dire che c’è richiesta per quel servizio e qualcuno deve farlo”, ha commentato, mostrandosi con la sua bicicletta, la divisa da rider arancione e il caschetto bianco. Ha dovuto imparare a muoversi su due ruote nel traffico (“un’altra cosa entusiasmante ma dura all’inizio”) e, dopo il lavoro, consegna anche i pasti per un’associazione di volontari (“più persone incontri e più parli e prima impari”). “Spero che anche altri politici seguano lo stesso percorso, lavorando con il pubblico piuttosto che nascondersi”, ha detto Sadaat.

Sayed Sadaat: “la lingua è l’ostacolo più difficile”

Sayed Sadaat ha una laurea in informatica e telecomunicazioni e un passaporto britannico-afghano, ottenuto per aver trascorso parte della sua vita nel Regno Unito. “Non ho nulla per cui sentirmi in colpa. Mi aspettavo un futuro economico migliore e un ruolo di primo piano nei settori delle telecomunicazioni e dell’informatica a lungo termine”, ha spiegato Sadaat, evidenziando come “la lingua sia l’ostacolo più difficile qui” per sfruttare il suo titolo di studio. Per superare il problema della lingua, il rider segue un corso di tedesco per quattro ore al giorno, con la speranza di “trovare lavoro in un campo correlato”.

Sayed Sadaat: come lui, migliaia di afghani trovano una nuova casa in Germania

Dal 2015, in Europa sono arrivate in massa le persone in fuga dalla guerra, in particolare da Siria e Iraq. Gli afghani che hanno chiesto asilo di cittadinanza in Germania sono circa 210mila e rappresentano il secondo gruppo numeroso dopo i siriani. Stando ai dati dell’Ufficio federale per la migrazione e i rifugiati, i richiedenti asilo di cittadinanza afghana in Germania sono aumentati del 130% dall’inizio del 2021.

Leggi anche: Afghanistan, colloquio Draghi-Guterres: ruolo dell’Onu e assistenza umanitaria

Leggi anche: In Pakistan scatta l’operazione contro l’Isis-K: 11 terroristi uccisi

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli