L'ex presidente Usa contro Biden alla convention repubblicana

·1 minuto per la lettura
trump biden
trump biden

Non ha usato mezzi termini Donald Trump nell’attaccare l’attuale presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Nel corso della convention del Partito Repubblicano tenutasi in Nord Carolina infatti, l’ex inquilino della Casa Bianca ha affermato che Biden e la sinistra radicale stanno distruggendo il paese: “Stanno tagliando i fondi alla polizia, l’immigrazione illegale sta di nuovo esplodendo e la disoccupazione è fuori controllo”.

Trump attacca Biden: “Sta distruggendo il paese”

Accolto calorosamente a Greenville da oltre 1.200 persone che gli hanno tributato una lunga standing ovation, Trump ha ribadito la necessita di sconfiggere i democratici alle prossimei elezioni di mid term che si terranno nel novembre del 2022: “Dobbiamo batterli alle prossime elezioni di metà mandato, non abbiano altra scelta”. Attualmente infatti, la Camera dei Rappresentanti è in mano ai democratici che detengono un solo seggio in più della maggioranza dell’aula, mentre i repubblicani mantengono il controllo del Senato con 50 seggi contro i 48 dei democratici.

Trump ha poi aggiunto che: “L’amministrazione di Joe Biden è la più radicale della storia americana, è una disgrazia quello che sta succedendo al nostro paese”, precisando poi che a suo dire i democratici: Sono violenti e in molti casi odiano il nostro paese e hanno cattive politiche, cattive sale stampa. Ci riprenderemo il paese, in un modo che sarà molto positivo per la nazione e per i cittadini. Non possiamo consentire che accadano cose cattive come forse non è mai successo prima”. L’ex presidente è inoltre tornato sul risultato delle elezioni del 2020, insistendo nel definire “rubata” la vittoria di Joe Biden.

Trump contro Biden e le critiche su Anthony Fauci

Nel corso del suo intervento, l’ex presidente degli Stati Uniti è stato fortemente critico anche sul consigliere medico di Biden, Anthony Fauci, già in passato vittima dei continui attacchi di Trump nel corso della prima ondata della pandemia: “Ha sbagliato su tutto, ma è sempre in tv, più di ogni altro politico”.

Sull’origine del coronavirus Trump ha poi aggiunto: “I media e i democratici ora stanno ammettendo che l’origine del virus sia in un laboratorio del governo cinese”, precisando che è pronto a chiedere alla Cina un assegno da 10.000 miliardi di dollari per i danni provocati dal Covid-19.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli