L'ex terrorista in fuga Bergamin si costituisce a Parigi

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(AP Photo/Antonio Calanni)
(AP Photo/Antonio Calanni)

Luigi Bergamin, uno dei tre ex terroristi rossi in fuga dopo gli arresti di ieri in Francia, si è presentato a palazzo di Giustizia di Parigi insieme al suo avvocato per costituirsi. Lo ha appreso l'ANSA da fonti inquirenti.

Ex militante dei PAC (Proletari Armati per il Comunismo), Bergamin deve scontare una pena di 16 anni e 11 mesi di reclusione come ideatore dell'omicidio del maresciallo Antonio Santoro, capo degli agenti di polizia penitenziaria ucciso a Udine nel giugno 1978 da Cesare Battisti.

VIDEO - Cosa sono le Brigate Rosse?

L'8 aprile per Bergamin sarebbe scattata la prescrizione, ma i termini sono stati interrotti dal magistrato di sorveglianza milanese Gloria Gambitta su richiesta del pm Adriana Blasco, che ha dichiarato Bergamin "delinquente abituale".

"E' una buona notizia, si è costituito, vuol dire che ha capito, è un'ammissione. Adesso potrà scontare le proprie colpe". E' il commento di Adriano Sabbadin, il figlio del macellaio Lino Sabbadin, ucciso nel 1979 dai Pac. Sull'operazione che ha visto la collaborazione tra Italia e Francia Sabbadin ha aggiunto: "Io non ho mai avuto dubbi sulla giustizia italiana".

VIDEO - Chi è Giorgio Pietrostefani