Libano, Amnesty: a Beirut forza eccessiva contro i manifestanti -5-

Red/Sim

Roma, 21 ott. (askanews) - Ghida Frangie, avvocata per i diritti umani, ha confermato che diversi degli arrestati sono stati picchiati e maltrattati sul posto e successivamente, mentre venivano trasferiti nelle stazioni di polizia.

"Casi isolati di danneggiamento di proprietà non possono giustificare l'uso eccessivo dei gas lacrimogeni contro manifestanti per lo più pacifici e nulla può rendere lecito picchiare persone che stanno protestando. L'intenzione delle autorità era evidente: impedire le manifestazioni, in violazione del diritto di manifestazione pacifica", ha dichiarato Lynn Maalouf, direttrice delle ricerche sul Medio Oriente di Amnesty International.

"Le autorità devono allentare la tensione, consentire a chi vuole manifestare in modo pacifico di farlo in sicurezza e senza timore di conseguenze e indagare sulle denunce di maltrattamenti ai danni delle persone arrestate", ha aggiunto Maalouf.