Libano, Amnesty denuncia arresti e torture manifestanti -2-

red

Roma, 29 nov. (askanews) - "Le Forze armate libanesi devono immediatamente porre fine a queste azioni violente e assicurare che, anziché punire i manifestanti perché esercitano i loro diritti, la libertà di espressione e di manifestazione pacifica siano protette", ha dichiarato Lynn Maalouf, direttrice delle ricerche sul Medio Oriente di Amnesty International.

"Nelle ultime tre settimane, abbiamo visto i soldati picchiare e trascinare via manifestanti pacifici. In una fase in cui la tensione politica e sociale è elevata, le forze armate devono comportarsi con moderazione. Le loro azioni brutali devono essere sottoposte a indagini serie ed efficaci da parte della giustizia civile e i responsabili devono essere portati di fronte alla giustizia", ha aggiunto Maalouf.

Almeno due manifestanti risultano indagati dalla procura militare. A tale proposito, Amnesty International ha ricordato alle autorità libanesi che gli imputati civili non devono essere processati dalle corti marziali. (Segue)