Libano, Lagunari Unifil: "Noi tra esercitazioni e videochiamate per compensare la distanza"

(Adnkronos) - (dall’inviata Silvia Mancinelli) - Come lo scoglio infrango, come l’onda travolgo. E’ il motto dei Lagunari, i militari in servizio con Unifil nel sud del Libano. Duecentocinquanta soldati addestratissimi, alle dipendenze della Brigata ‘Pozzuolo del Friuli’, che monitorano il settore Ovest per scongiurare tensioni con Israele e mantenere la pace in un Paese flagellato dalla crisi economica.

“Prima delle missioni facciamo una lunga preparazione, sia generale, sul teatro dove siamo impiegati, sia fisica - spiega all’Adnkronos, dalla base di Shama, il maresciallo ordinario Domenico Brucoli - dall’addestramento con sport di combattimento a esercitazioni di situazioni di emergenza che potremmo incontrare sul campo dove dovremo operare". "Durante il periodo di approntamento, per svolgere questo tipo di missioni - aggiunge il caporal maggiore capo Tommaso Toscano - svolgiamo attività fisiche di preparazione tra cui l’approntamento per la parte Mcm, modulo di combattimento militare, che garantisce al soldato una buona preparazione per la parte della difesa personale ma anche in caso di aggressioni. Personalmente sono stato facilitato dall’aver avuto esperienze pregresse nell’ambito degli sport da combattimento, ho fatto gare di Mai Thai (è ex campione italiano) e tutto questo mi ha reso molto più agevolato nella parte del modulo di combattimento militare".

"E’ difficile, non si è mai pronti a stare lontani da casa mesi - spiega il caporal maggiore scelto Mattia Pio Gagliardi - Le nostre mogli ci supportano, i nostri figli da casa crescono lontano da noi. Nel mio caso ho una bimba di 15 mesi, da quando sono venuto qui in Libano ha imparato a camminare e ho visto in videochiamata i suoi primi passi. Ogni volta che in casa squilla un telefono lei ripete ‘Papà, papà’, anche se non sono io. Ma ne sono sicuro, da grande sarà fiera di me".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli