Libano: Salvini sente vicario apostolico Beirut, garantire sostegno a popolazione

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 28 dic. (Adnkronos) – Questo pomeriggio il segretario della Lega, Matteo Salvini, si è confrontato in videocollegamento con il vicario apostolico di Beirut, monsignor Cesar Essayan. Nel corso del cordiale colloquio -riferisce una nota- si è parlato della crisi politica e sociale in Libano, che causa problemi sempre più gravi di carattere umanitario. Sua eccellenza Essayan ha sottolineato la necessità di aiutare la popolazione libanese con azioni urgenti e concrete. L’emergenza è principalmente economica e sanitaria. Il vicario apostolico ha spiegato che il sistema sanitario del Paese fornisce ottimi livelli di assistenza ma fa i conti con il poco personale: medici e infermieri, infatti, spesso scelgono di emigrare per ottenere retribuzioni adeguate alla loro preparazione.

Salvini -prosegue il comunicato- ha garantito il proprio impegno affinché anche in Italia venga intensificata l’attività di sostegno in favore del Libano e dei libanesi. “Ai governatori ho chiesto di poter accogliere quanti necessitano di cure, ricevendo la loro totale disponibilità” ha spiegato il leader della Lega. Salvini ha inoltre assicurato di voler collaborare con monsignor Essayan per poter arginare l’esodo della popolazione libanese, soprattutto quella cristiana, che sta divenendo vittima di bande criminali che gestiscono l’emigrazione clandestina.

Salvini e monsignor Essayan -conclude il comunicato- hanno convenuto sulla opportunità di incontrarsi di nuovo e al più presto per stabilire le azioni comuni più opportune e urgenti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli