Libano, sindaco Tiro: grave crisi economica per fallimento politica

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Tiro, 7 mag. (askanews) - "La situazione economica attualmente è molto difficile. Se dobbiamo trovare il motivo di questa crisi la causa è il fallimento della nostra classe politica libanese": alla vigilia delle elezioni in Libano, in programma il 15 maggio, il Presidente delle municipalità di Tiro e Sindaco della città del sud del Libano, Hassan Dabouk, è duro nell'illustrare la fotografia della situazione politica ed economica del proprio Paese.

"Alle prossime elezioni non ci saranno grandi cambiamenti - dice - perché gli stessi politici torneranno alla guida. Le forze di Hezbollah e Amal si confermeranno. Dobbiamo rispettare le scelte dei nostri cittadini. Alla fine tutti quanti sono vicini ai due partiti e siamo contenti di dare i nostri voti a loro perché sono riusciti a difendere il Libano dai nostri vicini. Alla fine a noi interessa che le nuove classi politiche riescano a tirare fuori il Libano dalla crisi economica, è ciò che tutti i libanesi aspettano dal nuovo parlamento", prosegue il sindaco.

"Il Libano è lasciato da solo anche dai nostri fratelli arabi - prosegue il sindaco - tutti stanno cercando di fare la pace con Israele, e noi siamo rimasti isolati. Un esempio: elettricità. Noi possiamo utilizzare elettricità della Giordania e il gas dell'Egitto, ma entrambi devono passare dal territorio siriano".

"La crisi economica - sottolinea il sindaco - è molto grave, bisogna lavorare sodo per uscirne. Bisogna fare un piano per i prossimi mesi e poi a lungo termine. Occorrerà fare tanti sacrifici e anche la comunità internazionale deve aiutarci, non possiamo uscire da soli da questa crisi".

"Il governo - aggiunge in una lunga conversazione con i giornalisti nella sede della municipalità di Tiro - deve ora aiutare i cittadini a superare questa crisi: prima di tutto abbassare i prezzi degli alimenti, lavorare per migliorare la sanità e poi l'educazione. Questi i tre pilastri su cui puntare". (di Serena Sartini)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli