Libertà per Corona: la raccolta firme appoggiata da oltre 50mila persone

·1 minuto per la lettura
Fabrizio Corona petizione
Fabrizio Corona petizione

A pochi giorni dall’arresto di Fabrizio Corona e dal suo ricovero in ospedale (per le ferite che si è procurato in segno di protesta) la petizione online che ne chiede la scarcerazione ha raccolto oltre 50 mila firme.

Fabrizio Corona: la petizione online

Fabrizio Corona è attualmente tenuto sotto osservazione all’ospedale di Niguarda e intanto i suoi legali hanno manifestato preoccupazione per le condizioni di salute dell’ex Re dei paparazzi, che oltre ad essersi ripetutamente ferito in segno di protesta ha iniziato lo sciopero della fame e della sete. Nei giorni scorsi proprio il suo entourage ha lanciato una petizione online (dal valore simbolico) per chiedere la libertà dell’ex Re dei paparazzi, e a distanza di pochi giorni la raccolta firme ha raggiunto oltre 57mila persone.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

“Non lo piegheranno, se lui ritiene di aver subìto un’ingiustizia è capace di lasciarsi morire”, ha dichiarato Ivano Chiesa a proposito dello sciopero che Corona avrebbe iniziato in ospedale, chiedendo di poter parlare con un rappresentante delle istituzioni o del Tribunale di sorveglianza. Sulla questione si sono espresse anche Nina Moric e Belen Rodriguez, che hanno espresso la loro solidarietà nei confronti dell’ex Re dei paparazzi. Sua madre, Gabriella Privitera, ha affidato ai social un lungo sfogo dopo che suo figlio era stato prelevato dagli agenti di polizia per essere ricondotto in carcere. “Mio figlio sta peggio, continua a farsi del male. Mi ribellerò finche avrò vita. Se muore ce l’avranno sulla coscienza”, ha detto riferendosi ai magistrati”, ha dichiarato la madre di Corona.