Libia, Amendola: compattezza Ue cruciale per soluzione politica

Rea

Roma, 18 gen. (askanews) - "La soluzione diplomatica di Berlino passa dalla compattezza dei Paesi europei e per la mitigazione delle ingerenze esterne. È cruciale mettere da parte le diffidenze e muoversi di concerto con la Francia, ma anche la Germania deve essere protagonista". Lo dichiara il ministro per gli Affari Europei, Enzo Amendola, in un'intervista a Formiche.net. "Mai come oggi si sono viste tante interferenze esterne in Libia - continua il ministro Pd - per questo un approccio comune dell'Unione Europea è assolutamente necessario, più ora che negli anni passati".

Anche per affrontare la crisi libica è fondamentale l'asse con la Francia, che il 27 febbraio parteciperà a un vertice a Napoli: "Vogliamo rafforzare i rapporti bilaterali, e questo vertice è una grande occasione per farlo - dice Amendola - l'Unione Europea è in una fase di passaggio delicata e ambiziosa, di cui l'European Green Deal costituisce una tappa fondamentale. Su questo c'è piena sintonia fra Italia e Francia, dobbiamo procedere con il trattato del Quirinale, che deve essere all'altezza delle sfide da affrontare, economia, industria, digitale. Abbiamo avviato un ponte con Macron".

Il ministro dem derubrica le divisioni interne alla maggioranza e le critiche di Italia Viva: "Non siamo preoccupati, in quattro mesi abbiamo rimesso a posto i conti, pagato i debiti, oggi abbiamo iniziato a ridurre le tasse sul lavoro e siamo pronti alla sfida degli investimenti green. Dalla Commissione sono arrivati segnali positivi, soprattutto sul pacchetto green. Sono contento sia stata avviata una riflessione sulle regole per gli aiuti di Stato nella competizione interna". E sulle regionali in Emilia-Romagna: "È un'elezione regionale, in Emilia-Romagna come in Calabria abbiamo proposto dei governatori, e siamo convinti di aver presentato i nomi e le idee migliori per governare la regione. Tutto il resto appartiene alla polemica nazionale, di chi prova a nascondere l'inadeguatezza delle proposte messe in campo".