Libia, Amendola: Russia e Turchia protagoniste per vuoto Ue e Usa

Dmo

Roma, 9 gen. (askanews) - "Il vuoto di iniziativa diplomatica di Europa e Usa ha lasciato campo all'azione russa. In questo quadro è velleitario pensare, come fanno alcuni nazionalisti europei, che ogni singolo stato del Vecchio Continente possa giocare la sua partita. E chi sognava di destrutturare l'Ue per avere più sicurezza, già da questi primi giorni del 2020 ha avuto un chiaro avviso di quanto sia rischioso per i propri interessi nazionali", così il ministro per gli Affari Europei Enzo Amendola sulla Libia in un'intervista a La Stampa.

"L'Europa deve cambiare, perché ormai di fronte alle sfide globali e all'instabilità che si trasforma in guerra, tra i giganti che competono senza regole, il nostro continente è considerato un 'gigantegentile': quasi come se fosse l'unico a portare sulle sue spalle i valori di pace e libertà tipici dell'Occidente. Ma tutto questo non basta e la tragedia siriana è una ferita aperta nelle nostre coscienze. Non basta più un'Europa che decide sulla politica estera all'unanimità in base all'articolo 31 del Trattato. Perché dinanzi alle crisieaiconflitti, per far vincere la pace, la deterrenza economica non èsufficiente".

(Segue)