Libia, Amnesty: Italia non ignori sofferenze migliaia di migranti

Red/Bea

Roma, 3 feb. (askanews) - "Nessuno pensi che, rinnovato per altri tre anni l'accordo con la Libia, il governo italiano possa archiviare la questione e continuare a ignorare la sofferenza di migliaia di migranti e rifugiati intrappolati, in infami condizioni detentive, in un paese in guerra". Lo ha dichiarato Gianni Rufini, direttore generale di Amnesty International Italia, all'indomani del rinnovo automatico del Memorandum d'intera con la Libia, originariamente sottoscritto il 2 febbraio 2017 per impedire a migranti e rifugiati di raggiungere le coste italiane.

Come noto, a seguito dell'accordo l'Italia ha accettato di addestrare ed equipaggiare la guardia costiera e altre autorità libiche, collaborando con esse a raggiungere l'obiettivo di intercettare imbarcazioni in mare e riportare le persone a bordo nei centri di detenzione libici, dove queste sono trattenute illegalmente e subiscono gravi violenze, tra cui stupri e torture. (Segue)