Libia, Buccino: Eni resta società straniera più importante nel Paese

Coa

Roma, 30 lug. (askanews) - L'attività dell'Eni al momento non risente delle violenze in corso a Tripoli, dopo l'offensiva militare lanciata dal geenrale Khalifa Haftar sulla città, e l'azienda italiana mantiene il suo ruolo di leadership fra le società straniere impegnate nel Paese. "L'Eni continua a controllare oltre il 45 per cento della produzione di gas e petrolio. Resta la compagnia straniera di gran lunga più importante", ha detto l'ambasciatore d'Italia in Libia, Giuseppe Buccino Grimaldi, in un'intervista pubblicata oggi dal Corriere della Sera.

L'Eni, ha ricordato il diplomatico italiano, "ha stretto accordi con la Bp britannica. La Total francese è attorno al 5 per cento. Nessuna delle forze in campo ha mai attaccato le infrastrutture Eni. Le considerano un patrimonio nazionale, anche perché metà del gas Eni è destinato ai libici".(Segue)